Serena Rigacci una storia di talento: la cantante si racconta

Dal palco di Ti lascio una canzone quando era ancora piccolissima, a quello di X-Factor Ungheria dove ha conquistato il secondo posto nel talent show! Serena Rigacci è una giovanissima promessa della musica italiana. Con la sua Pisa nel cuore, ha già conquistato il pubblico della Romania e dell’Ungheria e con il suo brano I Know you want Me tonight, una collaborazione con Sean Kingston ( cantautore e rapper giamaicano di cui ricordiamo il grande successo di Beautiful Girls  e la collaborazione con i produttori italiani Takagi & Ketra cantando con Giusy Ferreri il brano Amore e Capoeira) adesso è pronta per lasciare il segno anche in Italia.

Non solo musica, Serena è stata impegnata anche a teatro, nel ruolo di Ariel, per il musical La sirenetta, una bella occasione per mettersi alla prova e anche per incontrare una grane artista come Fiordaliso dalla quale ha imparato moltissimo. Quando le chiediamo nella nostra intervista se si senta una vera principessa, ci dice che forse nel suo animo c’è più un guerriero, un cavaliere, ed è anche per questo che se si dovesse identificare in una delle eroine dei cartoni, sceglierebbe forse Mulan o Rebel. Ha solo 18 anni ma tanta voglia di dire la sua e di continuare per la sua strada.

Il brano è uscito in Italia il 19 febbraio 2021. I Know You Want Me Tonight feat Sean Kingston scritto da Serena RigacciAndrea FresuCoke BeatsKisean Paul AndersonLiam Eugene Amoroso-Mesbur, prodotto da Andrea FresuCoke Beats e Lang Father per l’Etichetta Hit Songs GroupKeep Hold S.r.l., Mark S.r.l.

Questa collaborazione per me è stata molto importante. Sono stata felicissima ed entusiasta. E’ stato anche complicato girare il video perchè lo abbiamo fatto ai tempi del coronavirus quindi non è stato facile. Dovevamo stare attenti a qualsiasi cosa come è giusto che sia insomma. E’ stato difficile ma ci siamo riusciti.

E oggi vi parliamo proprio di Serena, con la nostra intervista! Buona lettura.

Serena Rigacci per Ultime Notizie Flash

Una vita in musica, tutta la famiglia di Serena ha da sempre fatto musica, le note e le melodie sono nel suo dna, per questo deve ringraziare i suoi genitori ma anche i suoi nonni e bisnonni. Ha sette anni quando inizia a prendere le sue prime lezioni di canto e poco dopo, arriva su Rai 1 per la sua prima esperienza televisiva con Ti lascio una canzone.

Quando non dormivo o facevo i capricci, mi mettevano le cuffie per farmi addormentare e io subito mi calmavo. Sono sempre stata circondata dalla musica.

E’ iniziato tutto dalla cameretta dove ancora oggi Serena si diletta canticchiando i suoi lavori e facendo la sua musica. Da Ti lascio una canzone poi, il percorso di Serena è iniziato e non lei si è più fermata. E Serena è giovanissima perchè di anni ne ha soli 18 ma ha già fatto molto e tanto farà se queste sono le premesse!

La giovanissima cantante ci parla di questi 10 anni di esperienze che l’hanno portata poi a maturare anche delle nuove consapevolezze. E’ ancora presto per poter dare una definizione di chi oggi è Serena ma lei ce lo spiega con questa metafora:

Mi piace vestirmi sempre in modo diverso, indossare cose diverse. Un po’ come se la musica fosse un armadio pieno di vestiti e io potessi indossare cose sempre diverse. Mettermeli tutti, poi un domani io avrò magari un vestito preferito e potrò dire che mi calza meglio di un altro e quindi magari affezionarmi di più. Per ora sono consapevole di quello che mi sta meglio ma continuo a sperimentare e fare cose diverse.

Ed è per questo che Serena sperimenta molto anche con i suoi look! Le piace cambiare anche il colore dei capelli, cambiare dal punto di vista estetico con i suoi look. Sempre alla ricerca di uno stile da provare, anche a seconda di come si sente in quel momento e del periodo di vita che sta affrontando.

Come mai hai provato la strada del successo all’estero e non in Italia?

E’ nato tutto per caso, io facevo questi programmi in Romania e avevo fatto anche molto successo con un video che aveva fatto milioni di visualizzazioni. Io non conoscevo bene il meccanismo di X-Factor, non lo avevo seguito moltissimo me alla fine ho deciso di fare il provino ed è andata bene. Avevo 14 anni e ne dovevo fare 15 mentre in Italia credo che il limite fosse 16 anni. Mi sono divertita moltissimo e sono arrivata anche seconda!

Visto che sei ancora così giovane, hai mai pensato di partecipare a un talent italiano?

Si non mi dispiacerebbe. Quest’anno ho visto che ad Amici stanno dando spazio ai ragazzi di muoversi tra il ballo e la recitazione oltre che la danza, con il musical e la cosa mi piace molto. Trovo che sia molto interessante partecipare a una qualsiasi cosa che possa darti uno stimolo, metterti a confronto con altri ragazzi. Mi farebbe piacere.

Serena è stata protagonista de La sirenetta nei panni di Ariel: come è stato?

Ho unito il ballo al canto e alla recitazione, per me è stato bellissimo. Mi piacciono tutte le arti, anche la recitazione mi piace moltissimo. E’ un mondo che mi piace molto. Ho conosciuto Fiordaliso che è una artista e una donna fortissima. Lei è stata come una mamma per me come per tutti gli altri ragazzi che sono stati protagonisti del film. Un ruolo che però non era proprio quello che mi rappresentava io non sono molto Ariel nella vita reale, se dovessi scegliere direi più Mulan!

Ti piacerebbe dare la voce per un tv movie come quelli della Disney ad esempio?

Sarebbe un sogno una cosa fantastica per me. Dare voce a qualcosa di così importante. Sarebbe davvero bellissimo.

Puoi raccontarci qualcosa per il futuro, progetti in vista?

Sono sempre in studio di registrazione, sto lavorando su nuove canzoni e posso dirvi che presto uscirà qualcosa e ci sono tante cose che bollono in pentola nonostante le difficoltà del periodo.

Serena quando scrive le sue canzoni non punta mai a fare una hit, perchè quello che per lei lo è, magari non lo è per altri, cerca di fare sempre qualcosa che le piace, che piace a chi lavora con lei. Chiaramente se poi il brano diventa una hit, meglio ancora! Nessuna ispirazione: cerca di essere se stessa il più possibile ed è per questo che ascolta tantissima musica diversa anche per andare avanti nel suo percorso. E ci sono tantissimi artisti che ammira.

Al momento ancora non si colloca in una area ben precisa. Spera di poter fare presto anche un brano in italiano, per raccontare la musica italiana, orgogliosa di esserlo!

Che rapporto hai con i social?

Sto molto attenta alle foto che pubblico, in particolare nel mio instagram ho sempre voluto portare l’estetica davanti a tutto. Io sono davvero fissata deve essere sempre tutto curatissimo e perfetto. Amo queste piccolezze, anche se molti non ci fanno caso. Una sorta di vetrina, è il lato artistico dei social che mi piace. E se devo condividere qualcosa prediligo la musica, il mio lato artistico perchè il mio privato deve restare tale. Il lavoro è lavoro. Quando sono nel privato tendo a stare il più lontano possibile dai social, anche perchè la vita reale non è sui social, dobbiamo ricordarcelo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.