Ambra Angiolini e Stefano Fresi aprono il Concerto del 1° maggio con un testo di Giorgio Gaber

Emozionati ma anche con il giusto piglio, Ambra Angiolini e Stefano Fresi hanno dato il via al concerto del primo maggio in diretta oggi da Roma. Non ci sono neppure quest’anno le migliaia di persone che eravamo abituati a vedere. A differenza di quanto successo nel 2020 qualcosa è cambiato, qualcos’altro è rimasto uguale. Per tutto il settore dello spettacolo, della musica, dell’intrattenimento, quasi tutto si è fermato e stenta a ripartire. Anche per questo nei primi minuti del Concertone è stato lanciato un messaggio molto forte; si parte con un testo di Giorgio Gaber significativo che Stefano Fresi ha letto. Poche righe che invitano tutti a far riflettere su quella che è la situazione attuale per un comparto che ormai da un anno, stenta a ripartire.

In un tempo di rassegnata decadenza. Serpeggia la paura nascosta dall’indifferenza” è l’incipit del testo Io come persona, di Gaber, scelto per aprire questa edizione del concerto del primo maggio.

E ancora:

In un tempo dove tutto ti sovrasta
E qualsiasi decisione passa sopra la tua testa.
In un tempo dove il nostro contributo
La nostra vera colpa è solamente un voto.
In un tempo che non ti lascia via d’uscita
Dove il destino o qualcuno ha nelle mani la tua vita…

Le prime parole di Ambra e Stefano Fresi al concerto del primo maggio

Stefani Fresi ha ricordato che il testo Io come persona è del 1994. E ha aggiunto: “Oggi come allora non siamo ancora persone ma non vogliamo neanche essere solo un voto.” E ha poi continuato Ambra: “E se non siamo nè persone nè un voto, allora siamo un problema”.

I due attori hanno continuato: “Potevamo non starci qua oggi e il problema sarebbe stato rimandato o forse peggio dimenticato. Invece i problemi vanno risolti e per risolverli bisogna metterli sul tavolo. Ecco questo stasera è il nostro tavolo. E quindi l’Italia si cura con il lavoro. Buon primo maggio a tutti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.