Yara ultime notizie, l’assassino è stato ferito ai genitali?


Gli inquirenti stringono il cerchio: queste le ultime notizie sull’assassino della piccola Yara Gambirasio. Ferite come quelle che ora cercano gli investigatori sono in effetti difficili da trovare, quindi potrebbe non servire molto tempo in più per individuare l’uomo che ha rapito e ucciso Yara, la tredicenne ginnasta trovata morta nei campi vicino al suo paese natio, Brembate di Sopra, nella bergamasca.

Yara potrebbe avere morso il suo assassino ai genitali. Da diverse settimane si sapeva che le forze dell’ordine avevano iniziato le ricerche in tutti i medici di base e negli ospedali bergamaschi e del vicino confine milanese di un uomo presentatosi alla fine di novembre con una ferita ai genitali.


Questo ha fatto pensare, ancora prima che si conoscesse qualche dettaglio sull’autopsia, che ci fosse stata una colluttazione tra la ragazzina e il suo rapitore, che quest’ultimo si fosse almeno parzialmente spogliato e che la sua vittima, reagendo, lo avesse ferito appunto ai genitali. Ora si è scoperto che le ricerche, che sono estese a tutta Italia, riguardano un uomo che in quel punto del corpo si sia presentato con ferite del genere.

La precisazione fa pensare che l’autopsia abbia permesso di scoprire delle tracce di Dna sui denti o sull’apparecchio ortodontico della ragazzina. Dna che a questo punto sarebbe senza equivoci dell’assassino, a differenza di quello rilevato sui guanti, che invece potrebbe avere una provenienza piu’ dubbia. Tuttavia su quest’ultimo aspetto per ora non ci sono conferme da parte degli inquirenti.

Non resta che aspettare e vedere se stavolta le indagini porteranno ad una svolta decisiva.

Giusy Cerminara


Leggi altri articoli di News e Cronaca

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close