Volontario italiano sequestrato a Gaza è stato ucciso


Foto: Adnkronos

E’ stato ucciso il volontario italiano rapito a Gaza . Il volontario Vittorio Arrigoni, un italiano attivista per i diritti umani dell’International Solidarity Movement. Arrigoni è stato ritrovato impiccato in una casa abbandonata di Gaza City. Questo è quanto ha riferito la polizia di Hamas, che ha rinvenuto il corpo nella notte in seguito a una segnalazione anonima. La notizia del rapimento, ricordiamo, è stata riportata ieri nelle breaking news dal sito dell’agenzia stampa palestinese Maan, mentre un’altra fonte di stampa palestinese, Hala, aveva pubblicato un video. Nelle immagini registrate, si potevano vedere i sequestratori che lanciano un ultimatum al governo di Hamas, minacciando la morte dell’italiano, Arrigoni, se non verrà accolta la richiesta di liberare alcuni dei loro detenuti.

Nel video i sequestratori avevano dato trenta ore di per soddisfare le loro richieste. Tra queste, anche la liberazione dello sceicco Abu Walid al-Muqdasi. Se le richieste sei malviventi non fossero state accolte in tempo, Arrigoni sarebbe morto. E così purtroppo è stato: quando la polizia è arrivata sul posto, Arrigoni era già stato ucciso.


Adesso, pare che siano stati arrestati due uomini, mentre un terzo è riuscito a fuggire durante il blitz di Hamas. Il ministero degli Esteri Frattini ha condannato nei termini più fermi il vile e irragionevole gesto di violenza da parte di estremisti che sono indifferenti al valore della vita umana. E il gesto, inoltre, è stato compiuto ai danni di una persona innocente che si trovava da tempo in quella zona per seguire da vicino e raccontare con forte impegno personale la situazione dei palestinesi della striscia di Gaza.

Sara Moretti



Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close