Melania Rea ultime notizie: ritrovato nel bosco il suo anello

Continuano le indagini nel delitto di Melania Rea, giovane 29 enne madre di una bambina di 18 mesi scomparsa il 18 Aprile da Colle San Marco mentre era in gita con figlioletta e  marito, Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dell’Esercito Italiano, e ritrovata morta due giorni dopo, il 20 Aprile nei Boschi delle Casermette di Ripe di Civitella, in provincia di Teramo. E’ ancora tutto inspiegabile, sono molti i dubbi che circondano questo giallo che ha come protagonista Melania. Al momento l’unica persona informata sui fatti è il marito Salvatore Parolisi. La pista che gli inquirenti stanno seguendo è quella del delitto passionale: forse un amore verso il marito di Melania o una gelosia nei confronti della bella moglie del caporalmaggiore, potrebbero aver spinto qualcuno a compiere il folle gesto. Vediamo le ultime notizie su Melania Rea.

Come detto prima, unica persona informata sui fatti e dunque testimone è il marito di Melania, Salvatore Parolisi, che al momento non è indagato. Continuano le indagini nel bosco in cui è stata ritrovata la 29 enne, sperando che sia proprio quel bosco a fare uscire qualche verità. Gli investigatori, per ora, hanno trovato un anello d’oro, appartenente alla vittima, con un solitario.

L’anello in questione sarebbe l’anello di fidanzamento della donna, scoperto durante il secondo sopralluogo nella pineta del Teramano. L’anello era a una certa distanza dal corpo: potrebbe essere stato lanciato dalla donna contro il suo aggressore oppure essersi sfilato dal dito durante la colluttazione.

Questa mattina, 13 maggio 2011, comincerà un nuovo esame cadaverico sul corpo di Melania Rea per cercare almeno di circoscrivere l’arco temporale in cui al cadavere sono state inflitte alcune coltellate post mortem. Una volta liberato dall’esame, il cadavere di Melania potrebbe essere restituito ai genitori, per consentire loro lo svolgimento dei funerali.

Sm

One response to “Melania Rea ultime notizie: ritrovato nel bosco il suo anello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.