Gela, famiglia sterminata: carabinieri avvisati da una telefonata anonima

Flash news – Una intera famiglia è stata brutalmente uccisa, è accaduto in queste ore a Butera, vicino Gela. Erano tre i componenti della famiglia sterminata e tutti e tre gli omicidi sembra siano stati causati da colpi di arma da fuoco. La madre di 45 anni e il giovane figlio di 13 anni sono stati uccisi mentre si trovavano nella loro casa, una cascina di contrada Desusino che dista da Gela circa 15 chilometri. Entrambi i cadaveri evidenziavano più colpi d’arma da fuoco alla testa. Il padre di 50 anni, invece, è stato ucciso mentre era alla guida del suo trattore, l’uomo stava lavorando in un campo vicino la propria abitazione.

L’intera famiglia era originaria di Licata e in questo momento i carabinieri stanno indagando sui motivi di tale tragedia e su chi possa essere l’assassino o gli assassini. Le forze dell’ordine sono state avvisate della strage da una telefonata anonima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.