Dopo Melania Rea, la strana vicenda del Pm Paolo Ferrero

Le ultime notizie sul caso di Melania Rea arrivano ogni giorno. Sappiamo quasi tutto di lei e di suo marito Salvatore Parolisi, ieri poi abbiamo anche sentito la voce di Ludovica, l’amante del Caporal Maggiore. Ben poco invece si sa di un pubblico ministero della procura di Roma, il dott.Paolo Ferrero, che durante le indagini su una potente lobby massonico-satanista con agganci negli ambienti militari, si è trovato, suo malgrado, proprio ad eseminare il caso di Melania Rea, prima di venire sospeso dal suo incarico su disposizione del CSM.  La storia di questo pm è passata quasi del tutto inosservata per i tg e i le testate giornalistiche di “alto rango” e invece solo alcuni piccoli blog, raccogliendo l’appello di Paolo Franceschetti, il primo a diffondere in rete lo strano caso del dott. Paolo Ferrero,  hanno cercato di capire cosa fosse successo al Pm.

La storia di Paolo Ferrero qualche dubbio lo fa venire. Noi abbiamo deciso di parlarne anche perchè è stata la compagna del Magistrato a mettersi in contatto con noi, attraverso una mail alla nostra redazione, chiedendo di rendere pubbliche le ultime evoluzioni di questa vicenda, affinchè nulla finisca nel dimenticatoio. Diamo una voce a chi non ha la possibilità di parlare. Ma qual è il legame tra Paolo Ferraro e Melania Rea, e cosa è accaduto al pm? Ricostruiamo brevemente.

Paolo Ferrero, pubblico ministero di Roma, stava indagando su una presunta setta satanica che starebbe agendo negli ambienti militari. Ci sarebbero dei legami tra questa setta e l’omicidio di Melania Rea avvenuto lo scorso aprile scorso, come ci sarebbero anche dei legami tra questa setta e la donna uccisa a Roma trovata poi priva di organi ( del caso si è parlato più volte pensando a un mostro, il cosiddetto collezionista di organi).

Il Magistrato però non ha potuto continuare le sue indagini ed è stato destituito dal suo incarico e messo in malattia per 4 mesi. In poche parole secondo l’organo di autogoverno della magistratura questo giudice non era nella situzione psico-fisica adatta per svolgere le sue indagini.  Da qui appunto una serie di procedimenti disciplinari, nonché un tentato TSO ( trattamento sanitario obbligatorio).
Non sono mancate le minacce arrivate sia a lui che alla sua compagna. Ecco perchè noi abbiamo deciso di parlare di questa storia, senza dare giudizi di merito, ma solo in rispetto a quello che dovrebbe essere il diritto-dovere di chi fa informazione.

Nella cappa di assordate silenzio che sembra essere calata sulla vicenda del pm Paolo Ferrero, crediamo che meriti tutta l’attenzione possibile un’intervista che l’avvocato Giorgio Carta, legale di Paolo Ferrero, ha rilasciato all’Agenzia Stampa Italia. Questo perchè, nell’intervista, il legale ricostruisce, passo dopo passo, tutte le varie fasi che hanno portato alla sospensione del suo assistito dalla procura di Roma con la motivazione che egli sarebbe inidoneo a ricoprire l’incarico in quanto infermo di mente. La straordinaria tempistica con cui si è mosso il CSM, da un lato, e il modo sbrigativo con il PM è stato ascoltato dall’altro, hanno di fatto rafforzato la convinzione del dott. Paolo Ferraro di aver imboccato la pista giusta nel delitto di Melania Rea. Una pista che, ricordiamolo, farebbe emergere un quadro molto composito all’interno del quale sarebbe maturato il delitto di Melania Rea ascrivibile non a semplici motivi passionali ma alla presenza all’interno dell’esercito italiano di una lobby satanista sulla quale già da tempo il pm Paolo Ferrero stava svolgendo delicate indagini. Un argomento delicato che, come denuncia nell’intervista lo stesso avvocato, non ha avuto alcuna copertura mediatica, nonostante alla conferenza stampa con cui Ferrero ha comunicato la sua messa a riposo fossere presenti tutti i media più importanti. Per avere ulteriori delucidazioni su quanto avvenuto vi rimandiamo alla stessa intervista. Dal canto nostro e nel nostro piccolo crediamo che sia giusto non lasciare nell’armadio del dimenticatoio la vicenda di questo giudice. Indipendentemente da quello che sarà poi l’esito delle indagini. Parlare e informare è secondo noi quello che nel suo piccolo può fare ognuno.

Ecco il video della conferenza stampa del dott. Paolo Ferrero.

 

 

Ecco il comunicato inviatoci dalla compagna del pm che ci aggiorna sulle ultime “strane” evoluzioni

CARTAGO DELENDA EST

A tempo di record smantellato, svuotato e privato di strutture ( computers, fax )  e personale l’ufficio del dottor Paolo Ferraro. Il 16 Giugno èra  stato dal CSM “solo”  messo “ cautelativamente “ in aspettativa per due mesi e  per  altrettanti posto quindi forzosamente fuori ruolo.
Aveva  denunciato la probabile esistenza di una setta satanica in ambienti militari con collegamenti, coperture e connessioni possibili . E  la mente torna al cuore dell’Europa,  negli  anni venti del secolo passato, solo che traspaiono ben più ampie  colleganze:  oggi, è tutta un’altra storia.
Il provvedimento preso correndo contro il tempo, con una sequenza procedimentale costellata da violazioni  del diritto di difesa, contro dati e copiose  certificazioni sentendo magistrati direttamente coinvolti  dai fatti, e quattro  aggiunti.
A “fondamento“ della abnorme misura , contraddetta macroscopicamente  dal testo  dell’art 3 del decreto che disciplina la materia , semplicemente insinuazioni  e  giudizi di “non verosimiglianza” o di “ cripticità  “, propalati  senza  conoscere fatti e dati ,  non motivati in concreto,  ma allineati ad una lettera mandata al CSM da persona coinvolta. A titolo di esempio l’assurdo : la Procura rilascia dichiarazioni sulla morte dell’Ardeatina ed indica come pista accreditata quella di  una setta satanica in articolo apparso sul venerdì di Repubblica, quando lo dice il dott. Ferraro viene  indicato come accostamento “criptico” dallo stesso aggiunto che ha fatto filtrare la notizia, e che fù analiticamente informato : siamo alla pantomima. In atti vi è un memoriale analitico, approfondito concreto, e i magistrati sentiti parlano di cose strane e criptiche, il dott. Ferraro analizza documenti e rivista quindicinale trovati  nella casa, è al corrente di una militanza e di un gruppuscolo  e di diffusione nel quartiere laurentino, un aggiunto si permette di citare quel fatto preciso come una stranezza criptica; certo se  fosse stato il Messaggero non avrebbe osato .
Il tutto a  fronte di  quanto invece dettagliatamente denunciato dal magistrato e neanche riferito nel provvedimento adottato dal CSM, che racconta di precedenti informazioni  fatti e documenti smentiti con dovizia di argomentazioni e documentazioni non confutabili.
Ebbene il 16 il CSM emette il provvedimento,  notificato il 17 mattina, in pari data viene emessa, ma trasmessa solo il 20,  una  circolare interna che riassegna i fascicoli pendenti disperdendoli tra tutti i magistrati dell’ufficio e richiede al  personale del dott. Ferraro di prepararne gli elenchi.
Il magistrato, non appena notiziato interrompe il 17 mattina la emissione di provvedimento. Mentre il personale si appresta a scaricare il lavoro già definito  e preparare gli elenchi  relativi, lo ” smantellamento”.

Una cosa mai vista negli uffici giudiziari. Ma è è possibile  temere tanto la intelligenza di un solo uomo ?! Un illuminato per bene da temere ?!

30 responses to “Dopo Melania Rea, la strana vicenda del Pm Paolo Ferrero

  1. tutta la mia solidarieta’ al dottor ferrero,in italia la giustizia non e’ libera ma vincolata ad interessi vari piu’ di ogni altra cosa.anch’io ho sempre pensato che l’omicidio rea rimarra impunito,ma date forza tutti alle menti pulite del nostro paese e qualcosa cambiera’,non e’ possibile che i poteri meno puliti siano sempre piu’ forti della verita’ dell’onesta’ della lealta’

  2. Qui c’è poco da dire.Tutti i Media Rai 1 Rai 2 Rai 3 Rete 4 Canale 5 Italia 1 La 7, tutti si sono ben gurdati da rendere pubblico quanto paventato dal PM Paolo Ferrero, per non parlare poi dei giornali, mutismo assoluto sia di quelli di destra sia di quelli di sinistra.Perchè? A me Parolisi non piace, non so se sia colpevole o meno di certo so’ che ha detto una marea di bugie ma ora mi chiedo PERCHE’? Ha paura di qualcosa? Melania aveva saputo e voleva parlare e l’hanno uccisa? Se così fosse capirei pure il mutismo e le bugie di Parolisi, con le sette ed inoltre coperte da qualcuno non si scherza.Da tenere presente che ha una bimba.Ma!!!! L’unica cosa è vederci chiaro:

  3. Me lo sentivo che la chiave di questa storia è da cercare dentro la caserma, ma pensavo piuttosto a droga o a infiltrati della malavita. Se non hanno ancora arrestato Parolisi è perchè sperano di arrivare ad altro. Comincio a credere che lui stia rischiando qualcosa di peggio che non il carcere…

  4. Purtroppo non credo che la vicenda del PM Ferrero o Ferraro della Procura di Roma c’entri qualcosa nel delitto di Melania Non ritengo che l’assassinio di Melania Rea per mano del marito Salvatore abbia qualche attinenza con storie più o meno vere od inventate di sette sataniche e di traffici di droga all’interno delle Forze armate e/o dell’Esercito.

  5. Salve ,di tutti i blog che parlano di questa vicenda..blog di estrema destra,fanatici,e ortodossi cristiani questo mi sembra l unico un pò serio rilascio una dichiarazione qui,visto che la “signora”in questione rilascia una comunicazione,senza ritegno..senza essersi informata afferma, si permette di sponsorizzare questo delirio che è costato disagio,sofferenza ,un infarto e tanti problemi alle persone che allora ne furono vittime”non intendo vittime di sette condominiali col cappuccio stile Guzzanti che imita Kubrick e a tutte quelle scemenze che solo una mente malata può vedere e sentite,alla scientifica ancora ridono di gusto”..ma vittime della follia di chi le ha prodotte..costruite nella sua mente psicopatica ..dico a quella “signora”innanzitutto che sarà la prossima di una lunga serie di vittime ,magari qualcuno avesse avvertito le precedenti e la invito ad informarsi..diffido lei e il losco figuro in questione che purtroppo io e la mia famiglia compreso un minore abbiamo conosciuto ,dato fiducia e poi danneggiati da esso,dal rilasciare informazioni indirizzabili alla nostra vita,domicilio,identità..è un consiglio vivissimo..che và contro i nostri interessi economici..allora”egli”se la cavò..triturò le nostre vite e come i gatti ricadde in piedi con le spalle coperte dal suo lauto e immeritato stipendio,oggi non sarebbe così,se la responsabilità sia civile o dal ministero giustizia non ci interessa,se verremo ulteriormente disturbati da questa vicenda nel caso essa esca(ne dubito fortemente)dal circuito blog amatoriali o qualcosa ripeto, conducesse alla nostre tranquille,rispettate, encomiabili,discrete e riservate vite..per”egli” la sospensione dal lavoro si tramuterà in una passeggiata di salute rispetto alle denunzie,querele e richieste risarcimento danni che allora gli risparmiammo ma che ora gli pioverebbero addosso.Diffamazione,violenza privata,violenza psicologica,violenza domestica, stalking,danni morali e materiali,danni a terzi,abuso d’ufficio e della professione a fini privati..in poche parole..UN CULO COSI’!.Voi che siete un blog serio dalla premessa che avete fatto..non date più di tanto, adito ai deliri di questi 2 tristi personaggi..anche se “lei”effettivamente suscita molta pena..,egli sembra credibile”ne sappiamo qualcosa”.Poveri signori Rea,oltre la tragedia anche dover sentir tirare in ballo la morte violenta della figlia per coinvolgerla in un delirio paranoide,che vengano protetti dai matti pericolosi.
    Comunque questa mia è un avvertimento di querela..Big Ben ha detto stop..ok..a buon intenditor!

    Signori,cordiali saluti

  6. IL PM FERRARO. DICE: LE VITTIME SARANNO TUTELATE .. SI TROVINO I COLPEVOLI … DICE ORGANIZZAZIONE MILITARE SETTE, COPERTURE, E ALTRO. MOLTI AVVOCATI, PSICHIATRI, PERSONE, GIORNAALISTI HANNO VERIFICATO DOCUMENTI E DATI … CHOI SCRIVE MINACCIANDO DI CHE HA PAURA .. DELLA VERITA’ ^! CHI SCRIVE E’ VITTIMA CONSAPEVOLE … ?! L’INTTERO PAESE SSI MOBILITERA’ SE LA STORIA DIVERRA’ DI PUBBLICO DOMINIO E GIA’ LO E’ .. NELLA PARTE CHE SERVE A MOBILITARE, SPIEGARE, FAR CRESCERE LA RISPOSTA DEMOCRATICA A FAATTI GENERALI, GRAVI, PREOCCUPANTI … VIVA FERRARO E CHI LO SEGUE … RESTITUIREMO LA LIBERTA’ AANCHE ALLE VITTIME … BASTA CON LE COPERTURE, DEPISTAGGIO E DISINFORMAZIONE .. SI VERIFICHI … TUTTO E SI INFORMI LA PUBBLICA OPINIONE

  7. iho letto e riletto documenti ascoltato daati digitali, telefonate e verifictao sms , mail e carte … tutto torna …, si tratta di UNA SETTA del TIPO PSDICO SETTA , MILITARE, CON MILITARI ED UN ALTO UFFICIOALE .. pure quello emerge .. citato da http://www.corsera.it per il caso melania , e nessuno avrebbe controllato chi era la mora vista a roma. Se a roma era venutaa a parlare .. tutto tornereebbe .. perchè non si fanno le indagini a tutto tondo ?! e poi … se è vero che a Roma c’0era una donna vittima ma coinvolta nel gruppo, lei non parlereebbe mai, per paura, per minacce, perchè coinvoltaa e coinvolto anche chi viveva con lei … e le copertiure , la vilenta reazione la persecuzione del magistrato emergono dalle carte ..

  8. ho sentito il PM FERRARO all’indirizzo di youtube .. digitate su google – video “paolo ferraro ” .. quello che dice non fà una piega .. accidenti … ma chi si ù permesso di cercare di farlo passare per matto ?!

  9. C’è di peggio:i giornalisti che hanno denunciato che il leader di sette sataniche , il falso re Tadmur Septimio Balthazzar Emmanuel che poi sarebbe il prostituto trans Josè Manuel Mosquera, arrestato in Spagna ed indagato per scomparsa di giovani donne e pedofilia, , a capo di una organizzazione internazionale mafiosa satanica di tenutari di bordelli ,truffatori, narcotrafficanti, falsi vescovi ,abbia investito di ranghi di falsi ordini equestri, i vertici militari italiani ad Anagni, Roma Aquila, ecc unitamente ai suoi Gran Priori di Giustizia, addirittura l’ispettore anticrimine Giuseppe Stramaglia di Poggibonsi ed il noto falso Re di Svevia Barbaccia Paolo Francesco (le cui famiglie hanno entrambe matrice mafiosa)sono perseguitati dalla magistratura di Siena e Poggibonsi, che si è trasformata in difensori dell’onore di gente che è tesoriere di un truffatore internazionale, sputtanato da tutti i siti e stampa internazionale e spagnola come pericolo pubblico allarmante. l’Italia è dunque il covo di una giustizia fondamentalmente malata e corrotta, poichè ciò che ha indotto la Spagna ad arrestare mosquera ed i suoi complici, induce magistrati italianie vertici militari ad inginocchiarsi a leccare il deretano di satanisti prostituti trans.Questo è un paese di merda.non c’è decoro nè da aprte dei media, tutti asserviti alla logica del controllo dell’informazione :un piano apertamente di matrice Neopiduina.non a caso tra questi mostri si trova il nome del torturatore terrorista falso Alfredo vescovo Montrezza , ovvero Manlio Mingolla, narcotrafficante, indagato più volte per false operazioni umanitari con minori ed il sedicente falso vescovo David Cooper, dedito ad arti marziali, indagato per pedofilia.non mancano nell’organigramma di costoro elementi di famiglie notoriamente mafiose, e die strazione hitleriana , come nel caso di Schwantes, la cui famiglia è nota per aver rappresentato l’apice più morboso ed inquietante di Hitler, ovvero il satanismo e le camere a gas(Schwantes erano anche magnati del gas).Ma gli Schwantes erano anche a capo della loggia segreta detta Vrill, da avril, il nome arcano del Barbarossa.Hitler voleva impossessarsi del mito degli Hohenstaufen, sottomettendelo alle sue visioni mefistofeliche, programmate da Haushofer.Da cui l’operazione Razza Ariana , operazione Barbarossa ed armata di Curlandia. La loggia Avril de Saint Genis Aprilis Sancta Propago (che traduce Staufer o Friius o Fruher o Vrill Pothos che è la forza generatrice , vitale di Venere e Pothos dei riti celticimerolitinghi ) detta Vrill cercò di sottomettere ai suoi voleri i veri eredi del Barbarossa che dalla Curlandia furono italianizzati nel 1873, non riuscendovi poichè addirittura si adoperarono a dar man forte agli antinazisti, mettendo in pericolo la loro stessa vita, per salavare gli ebrei e contro i loro abietti scopi sis ervono di un falso Re di Svevia, che è stato nobilitato con falsa perizia da Francesco lo Piccolo, parente del clan Lo Piccolo associato a Provenzano.Non è inquietante che Barbaccia, il neoeletto falso Re di Svevia sia il cugino dell’accompagnatore di Provenzano? E Stramaglia , che proviene dalla famiglia dei anrcotrafficanti di Bari, alleato con il clan Buscemi- Provenzano che ha condotto le indagini per difendere Barbaccia di cui è Gran Priore e querelare la legittima erede di Federico II, per diffamazione del barbaccia, contestato in tutto il mondo , attribuendole siti non curati dalla stessa, non è un modo per eliminare la vera Hohenstaufen?E se il Pm che ha consentito tutto questo è la parente del cassiere P2 Firrao, è solo un caso? E se a preannunciare le decisioni del Tribunale e Procura di Siena e Poggibonsi è la nota satanista neoborbonica Marina Salvadore, la quale scoperta in una foto che la ritrae tra cappucci rossi, unica a viso scoperto, preoccupata di essere eliminata, confessa che sotto i cappucci rossi vi sia un magistrato, come mai nessuno dei magistarti non incrimina la signora? Quì esiste veramente un disegno oscuro mondiale di cui le rivelazioni del Pm sono solo un bagliore, mentre comincia già a fiorire il frutto marcio che si è verificato nella strage di Oslo.Anche Breivik aveva contatto con frange di losche logge associate a Mosquera:era dedito agli stessi ordini equestri demoniaci di questi criminali satanisti, della peggiore risma, in quanto sono associati alla più lurida ignoranza e devono lottare contro i figli della luce, miti graalici, che vogliono sottomettere ai figli delle tenebre.No!Questa è vera lucida follia collettiva, non quella del giusto ed onesto Pm Ferraro!Perseguitano la legittima erede di Federico II , principessa Hohenstaufen di cui questi criminali usurpano e diffamano il cognome per loschi traffici e sette sataniche!Siamo indignati!Siamo grati ai magistrati che ci hanno trattato con amabilità, pudore e cortesia, quando ci siamo autodenunciati quali autori di Blogg, costretti all’anonimato dalle minacce di Barbaccia.Era doveroso, in quanto , ingiustamente attribuivano alla principessa dei blogg curati da altri.Ma stranamente nessuno vuole denunciarci, poichè il loro bersaglio è la legittima erede!pietoso che i giudici siano ridotti a dire.”ma non possiamo metterci contro tutta questa gente!”
    Luca d’Alessandro.Enrico de Seta, Flavio Atzeni, Giuseppe Arpa,Saverio Sulpicio, Rocco Mantovani, Gian Luca Carpegna, Associazione contro la Malagiustizia .

  10. Contro gli insinuazioni dei commenti anonimi e per la trasparenza immagine

    L’ultimo aggiornamento – 7.07.2011.

    “Decreto di Citazione diretta a Giudizio”
    Il Pubblico Ministero
    ritenute concluse le indagini preliminari realtivi al procedimento penale
    sopra indicato nei confronti di:
    Aprile von Hohenstaufen Puoti/ Kathrin Yasmine Ira, nato……..
    Aprile/Gelsomina, nato……….
    ……………………………………………..
    dispone la citazione dei predetti imputati dinanzi al Tribunale di Siena-
    sezione distaccata di Poggibonsi, in composizione Monocratica, nell’aula
    di udienza sita nel Palazzo di Giustizia in Poggibonsi, Via A.Volta,
    per le ore 9.00 col seguito del giorno 13.10.11

    L’udienza contro l’Imputata Aprile von Hohenstaufen Puoti Kathrin Yasmine Ira
    davanti al tribunale di Poggibonsi – in Poggibonsi, Via Volta,
    si è regolarmente svolta in contumacia (leggittimo impedimento rif. certificato medico) il 7/07/2011.
    La prossima udienza è fissata il 22 dicembre 2011, ore 9.30.
    midifendo.blogspot.com/

    1. Ai sensi trasparenza, ci risulta che le principesse sono state oggetto di Stalking da parte di Barbaccia, che voleva con minacce indurle a riconoscerlo come Hohenstaufen. Le principesse Hohenstaufen ci risulta abbiano vinto tutte le cause contro il Signor Barbaccia, che si scopre sia addirittura di origine ebraica sicula e non staufica,Il nome Barbaccia infatti è nell’elenco degli ebrei siculi, sin dal 1200, al punto da risultare la sua presenza, tra senzatetti , in Toscana, tra rovine dell’ospedale degli Inglesi , fittando letti fatiscenti ai viandanti.Basta leggere la storia dell’ Ospedali degli Inglesi, ove vivevano tra le rovine i Barbaccia.A pochi passi a Viterbo viveva con tutti gli onori , il principe d’Antiochia, figlio naturale di Federico II, che si chiamava Federico d’Antiochia e Barbaccia , ebreo, si chiamava Barbaccia.Antiochia era di estrarzione antiochena e musulmana e non si conoscevano.Chiaramente vi è stata incompetenza tra chi ha suggerito la balla!Dopo la sconfitta in Tribunale, ha preferito sparire all’altro mondo…lasciando come erede ahimè…un taumaturgo, che certamente non è un mago e non può fare miracoli …e trasformare rape in diamanti!

  11. Nelle note bibliografiche del Romanzo Padri e figli , lo scrittore russo Ivan Sergeevic Turgenev , spiega perchè il servo addetto ai cavalli Petr’ si chiama Barbaccia.Lo Scrittore annota che il nome Barbaccia deriva dalla Barberia ed è di coloro che erano addetti ai paramenti del freno del cavallo e alle redini.Dunque un nome di mestiere.
    Cosa possa aver sognato il signor Barbaccia Paolo di Poggibonsi che lo colleghi al Barbarossa resterà sempre un mistero.Forse solo un maldestro tentativo di collegare tra loro etimi casuali per sorreggere un castello di sabbia araldico, sbriociolatosi al primo tsunami delle contestazioni degli storici.

  12. Il TSO per un Magistrato di tale lucidità mentale e bravura è un CRIMINE che dovrebbe suscitare attenzione e sdegno presso TUTTA l’opinione pubblica! Ne ho sentito un altro di casi simili che circolano sul web e si tratta della Dr.ssa Eva Polak di Pistoia!

  13. Mi sono informato sul caso del falso Re di Svevia Barbaccia.E’ stato già condannato per stalking diffamatorio a Padova nei confronti di Calabria Cilento d’Altavilla.Non sorprende che BAZZICHI IN QUESTURE E Tribunali compiacenti, in quanto è abitudine dei suoi parenti, visto che poi si scopre che giudici e sbirri erano collusi con la mafia. Non conosco i termini del processo di Poggibonsi, ma sembra evidente che l’incompatibilità ambientale , visto che la magistratura è stata denunciata a Genova ed a sua volta ha denunciato la denunciante.La Cassazione fà orecchi da mercanti , come il CSM.Viene il dubbio che l’intero corpo della magistratura si autocompatti ed autotuteli, ormai in competizione con tutti i poteri nel gestire l’esclusiva di compattarsi con la mafia, anzi di essere il lungo braccio della mafia, non si spiega altrimenti la vicenda di Barbaccia socio e Gran Priore di Mosquera, a capo di una organizzazione mafiosa satanica , già proveniente da famiglia notoriamente appartenente ai vertici della mafia.Finchè scherza a fare il Principe potrebbe far ridere.Tutti sanno che è un falso Re di Svevia, ma da quì , da ex ciabattino ed analfabeta , unitamente a Stramaglia, ispettore che s’incontra con prostituti trans , arrestati per truffa, e a Mosquera arrivare a sottomettere vertici militari, forze dell’ordine con la pagliacciata della spada in testa, fà pensare che trattasi solo di un padrino…dunque colpevole è il CSM e ci sorge il dubbio che questi cognomi tanto imbarazzanti come Barbaccia(famiglia notoriamente mafiosa che conta anche l’accompagnatore di Provenzano) e Stramaglia(clan Buscemi Provenzano)(perito araldico della falsa perizia di Barbaccia Lo Piccolo cugino din Lo Piccolo clan Provenzano)ci dovrebbe indurre a capire che la mafia è ormai tutelata dai magistrati.

  14. Ecco i soci di Barbaccia Viscardi, falso Hohenstaufen, edell’ispettore anticrimine Stramaglia , entrambi Gran priori di Giustizia di Mosquera-Tadmur . Adesso Mingolla e Tadmur , alias Josè Manuel Mosquera, Gran master dell’Ordine Bonaria e Teutonico di Barbaccia, vengono smentiti da tutte le organizzazioni internazionali.Mosquera , falso Re Tadmur Septimio accusa Mingolla di minacciarlo di morte , davanti alla moglie Maldonado e Genocidi.Mingolla, falso vescovo, accusa Mosquera di truffe ,prostituzione di trans ecc…

  15. Da indagini risulterebbe che il signore del 14 .2011.ore 1043, che tenta di definire pazzo chi denuncia che una sosia di Melania era in procura e nessuno si perita di controllare, ma pur essendo persona attendibile la trasformano in pazzo e delirante con altre, quando la Procura dispone di video e avrebbe potuto verificare,tutti hanno capito chi sia, ovvero un signore di Poggibonsi che verifichiamo sia veramente socio di satanisti mafiosi.non si permetta di strumentalizzare il nome del pm Ferraro per le sue luride rogne di pazzo maniaco con l’aggravante di praqticare prostituti trans addetti di sette sataniche, assassini e mafiosi, poichè può contarla a tutti la sua favola, ma non a persone che hanno gli strumenti per aver verificato che sotto quanto dicono storici e giornalisti vi è ancora di peggio.Se esiste una magistratura che tutela questo satanista sotto gli occhi di tutto il mondo tesoriere e colluso con criminali mafiosi , palesemente truffatore di genealogie fantastiche, è possibile, proprio come è possibile che la pm Bocassini,si sia vista costretta a denunciare che un magistrato con la ndrangheta era colluso con i criminali , al punto da emanare un mandato di arresto per un collega.Presto sarà il turno di Poggibonsi.Vada altrove questo pazzo criminale satanista a risolvere le sue beghe e lasci in pace i morti .

  16. Ferraro…si chiama Paolo Ferraro. Orribile un intero articolo scritto su un magistrato come lui con il nome sbagliato, come una sottile offesa silenziosa. Solo il nome ci è rimasto. Fate in modo che i nomi onorevoli vengano riportati in modo corretto, almeno voi, che fate informazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.