Melania Rea ultime notizie, per il pm Parolisi è pericoloso: nuove intercettazioni

Salvatore Parolisi è pericoloso, e potrebbe uccidere ancora. Questo il motivo per il quale la Procura di Ascoli ha chiesto l’arresto cautelare di Parolisi, al momento unico indagato per l’efferato delitto ai danni di Melania Rea, sua moglie. Le ultime notizie riguardano gli aggiornamenti sul caso, dovuti sia alla perizia del medico legale, sia alla richiesta di arresto per Salvatore Parolisi. Pare infatti che il pm Umberto Monti sia convinto della colpevolezza del marito di Melania Rea, il quale sarebbe una persona spietata e fredda, che avrebbe progettato con grande lucidità il delitto di sua moglie. Ad avvalorare questo profilo, sarebbe soprattutto il fatto che Parolisi avrebbe lasciato la piccola Vittoria in auto mentre uccideva la sua mamma nel bosco delle Casermette. Un quadro agghiacciante, che lascerebbe ben pochi dubbi sulla colpevolezza del caporal maggiore. Pare inoltre che ci sia anche un’intercettazione ambientale ai danni di Salvatore Parolisi risalente al periodo in cui non era ancora iscritto nel registro degli indagati. Avvicinandosi alla caserma dei carabinieri per un interrogatorio, Parolisi avrebbe pronunciato le parole “Non ti fare fottere, non ti fare fottere“.

Ma il legale di Salvatore Parolisi, Valter Biscotti, non crede che ci siano le basi per l’arresto del suo assistito. Secondo la difesa di Parolisi, ad uccidere Melania Rea sarebbe stata una donna, e a dimostrarlo sarebbero le tracce di Dna femminile ritrovate sotto l’unghia dell’anulare sinistro della ventinovenne di Somma Vesuviana. Ma per il medico legale tali tracce di Dna non sono tali da far pensare che ad uccidere la povera Melania Rea sia stata una donna. Nel caso in cui tali tracce fossero dovute ad una colluttazione, si sarebbero rotte anche le unghie di Melania Rea, cosa che invece non è avvenuta. Evidente è invece la traccia di Dna di Parolisi nel cavo orale di Melania Rea. Tale traccia potrebbe derivare o da un bacio dato da Salvatore a Melania nei momenti precedenti o successivi la sua morte, oppure potrebbe essere dovuta al fatto che il caporal maggiore l’avrebbe aggredita mentre faceva pipì, mettendole la mano sulla bocca per non farla urlare prima di ucciderla.

A.D.

8 responses to “Melania Rea ultime notizie, per il pm Parolisi è pericoloso: nuove intercettazioni

  1. Sì, c’è una miriade di prove indiziarie univoche e concordanti che incastrano decisamente Salvatore alla sua responsabilità nell’uxoricidio di Melania, mentre gli argomenti della difesa del Parolisi sono davvero debolissimi, quasi inesistenti, evanescenti. Io credo che il GIP di Acoli dovrà proprio decidere per il suo arresto, perché l’uomo per la sua condotta omicidiaria, e succesiva durante le indagini, è veramente pericoloso.

  2. Concordo con Tommaso!! Inoltre aveva un coltello con se, quidi PREMEDITATO, POI, BUGIE SU BUGIE……..CHE SCHIFO, ANCHE DOPO MORTA è RIUSCITO ADORMIRE DAI SUOCERI,PER CAMUFFARE, SALVATORE….VERGOGNATI DI ESISTERE, VECIO DI MERD…ALTRO CHè VECIO ALPINO!!!!!!!!!! NON CI SONO PAROLE X ESPRIMERE IL DISPREZZO CHE MEZZA ITALIA PROVA X TE!!!!!!!!!! DEVI STRSCIARE VERME!!!!!!!!! HA LASCIATO LA BIMBA IN AUTO,BEH, X UNO COME LUI è NORMALE, SE X VIVERE CON L’AMANTE AMMAZZA LA MOGLIE!!!! E POI MI FERMO, LUI MI FA VENIRE UN NERVOSO!!!

  3. Immagino cosa provino i genitori di Melania quando, la domenica, gli affidano la piccola Vittoria. Spero che l’arresto avvenga presto e che, cmq, gli venga tassativamente impedito di avere ulteriori contatti con la bambina che neppure sappiamo se può aver visto ammazzare la madre oppure no. Spero anche che le si possa cambiare il cognome.

  4. Il fatto che Salvatore abbia portato Melania direttamente al Bosco delle Casermette, e non a Colle San Marco, ed abbia approfittato di un bisogno fisiologico della moglie, per assalirla proditoriamente alle spalle, tentando di scannarla, senza nemmeno farsi vedere in faccia, dimostra che è fondamentalmente un debole psicologicamente ed un vigliacco moralmente, altro che lealtà di soldato! Vi è di più, il sospetto che abbia premeditato il gesto uxoricida, per cui l’assassino merita che la pubblica accusa (PM) ed il GIP gli contestino la premeditazione dell’omicidio.

  5. ebbene ci siamo,molto miticolose le indagini,facebook e` una grandissima finestra di pettegolezzi, ma quando serve e` un fondo unico e` giusto.Caro parolisi, come hai potuto, devi solamente stare in silenzio, hai parlato anche troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.