Melania Rea ultime notizie, per Facebook la colpevole è Ludovica

Melania Rea, Facebook contro Ludovica – Il popolo del web nella giornata di ieri è esploso contro Salvatore Parolisi, marito di Melania Rea, e contro la sua amante. Come sappiamo ieri è stata una giornata decisiva: Parolisi è stato arrestato. Secondo gli inquirenti si sarebbe macchiato di omicidio volontario pluriaggravato. E’ questa l’accusa che pesa sulle sue spalle. Da Facebook sono arrivati moltissimi commenti, sia sulla situazione di Parolisi che sulla sua amante, la soldatessa Ludovica P. Sono molti gi utenti infatti che scrivono che in questa storia la colpevole è proprio Ludovica. Sulla pagina Facebook “Giustizia per Melania Rea“, gli utenti non hanno dubbi: la morte di Melania è avvenuta per colpa del ruolo che la soldatessa Ludovica aveva nella vita di Parolisi. Vediamo insieme le ultime notizie.Per cercare di capire cosa dicono gli utenti, riportiamo due commenti: Fino all ultimo momento ho sperato che non fosse responsabile salvatore …quindi giustizia è fatta… ma fino ad un certo punto …peccato che non c è una legge che punisce con il carcere la pressione psicologica che..la brava ludovica…ha esercitato su salvatore..parte della responsabilità va anche a lei..brava e ancora brava a te ludovica che intraprendi relazioni con uomini sposati e con figli con la pretesa che lascino la famiglia !!!!!vergogna adesso HA LASCIATO LA MOGLIE CONTENTA???? un bacio a te MELANIA”, questo il primo commento sulla bacheca Facebook, lasciato da Ornella. Mariapia aggiunge: “?…. Parolisi non era di certo da solo….adesso aspettiamo che arrestino anche la Luridona …. che sicuramente qualche cosa centra di sicuro. PAROLI’ VAFF….” .

Ma gli utenti si spingono più in là. Marianna scrive: “e adesso che lui e in carcere……..via la soldatessa dai comandi dell’esercito,bugiarda e complice di tutto…”.  Fino ad arrivare alla richiesta di mobilitazione popolare per rimuovere Ludovica dal suo incarico. Sono in moltissimi a scrivere che la soldatessa non dovrebbe più stare nell’esercito: si arriva a parlare anche di raccolta di firme. Un commento che riassume in breve la situazione su Facebook riguardo Ludovica è: “anche ludovica deve pagare …nn sn tutte cm lei!!!ha buttato immondizia sull esercito”.

Leggi anche:

Melania Rea, i messaggi d’amore tra Parolisi e l’amante Ludovica

 

10 responses to “Melania Rea ultime notizie, per Facebook la colpevole è Ludovica

  1. Se io compio un’azione lo faccio consapevolmente, non perchè qualcuno insiste che io lo faccia. Se Salvatore ha ucciso e straziato la moglie la responsabilità è sua, non essendo interdetto ma anzi, sanissimo di mente.
    Nessuno come le donne è bravo a dar contro alle donne, soprattutto nel paese occidentale più maschilista al mondo.

  2. E’ militare sia lui che lei ,lei piu’ arrogante e presuntuosa , lui violento e pericoloso .Io gente cosi’ cmq nell’esercito non la vorrei .L’esercito non deve essere un bordello, sei libera di amare ma almeno scegliti uomini liberi o uomini che si liberano non aizzare cosi’ un debole.Chiaro che lei deve andarsene dall’esercito e non ho pregiudizi e moralismi.
    Nessuno impedisce a nessuno di cambiare vita ma ci vuole lealta’ e onesta’ proprio parole dette da parolisi, peccato siano state solo parole.Su facebook questa si e’ permessa di dire a Melania di andare a lavorare , tipica donne che vuole l’uomo di un’altra.Tipico di una donna che non ama ma odia un’altra donna.

  3. non sono d’accordo a dare tutta la colpa alla soldatessa Ludovica: anche lei è stata raggirata da quel fedifrago Parolisi; è uno stupido commediante che ha recitato – male – tra l’altro il personaggio di vedovo inconsolabile. non ha avuto il coraggio di lasciare la povera Melania perchè aveva paura di perdere il posto di lavoro e tutto quello che aveva costruito insieme a lei. ha agito da vigliacco….però non sono d’accordo
    nemmeno con Melania che a un certo punto pur di salvare la famiglia era ricorsa a quelle innocenti minacce che non avevano fatto altro che alimentare in lui, preso da due fuochi,la pazzia di togliere di “mezzo” quella che per lui era più scomoda. Parolisi, uomo senza coraggio bugiardo vigliacco che voleva vivere serenamente con un piede in due scarpe… che stia in carcere A VITA

  4. io ci andrei molto cauta con i vari grazie rivolti alla giustizia italiana…non dimentichiamoci di tutti gli errori giudiziari, scientifici e investigativi che ci sono stati in questi anni, nella risoluzione dei delitti…anche a garlasco tutte le prove fornite portavano ad alberto stasi, i signori non si scomodarono a vagliare altre piste…e tra l’altro eseguirono le indagini male..risultato? stasi assolto in primo grado…condanna a 26 anni di carcere per amanda knox e raffaele sollecito..ora a quanto pare le prove non sono più attendibili..per magia è sparito il loro dna dall’arma del delitto…vedrete che tra meno di due anni sn fuori del carcere….quindi???????proprio affidabile la giustizia italiana,già già

  5. la giustizia italiana fa` come meglio creda.
    da noi tutti e` stato gia` giustiziato e` un assassino, puo` uscire anche domani,ma deve andare in letargo altrimenti…………………………………

  6. Ludovica dovrebbe andare in galera!!Non cosi’ per dire..!!! Quel suo sarcasmo nel dire “non devi mica ammazzare qualcuno….” e’ il movente..la musa ispiratrice….istigazione psicologica!!!Bravi inquirenti, non ci credevo tanto….ma mi sono ricreduto, siete stati davvero bravi!! Pero’adesso non permettete a Ludovica ad uscirne come vittima…voi lo sapete e’ colpevole quanto Parolisi!!!!

  7. Che rimanga in carcere mi sta proprio bene perchè lo ritengo responsabile della morte della moglie ..
    si è condannato da solo con tutte le bugie e i depistaggi…

    Leggendo le pagine dell’ordinanza indigna e disgusta la relazione di Parolisi e la Perrone
    questo non è amore quando a soffrire è stata la bellissima e dolcissima Melania ,una moglie che voleva solo amore e gioia nella sua famiglia ……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.