Torino, uccide la moglie e confessa di averlo sognato

Flash news – Salvatore Scaldone, un uomo di 51 anni, ha ucciso la moglie, Mariella Gili Vinardi di 46 anni, e subito dopo ha chiamato i carabinieri confessando il delitto commesso, ma la sua versione dei fatti ha qualcosa in comune con un film già visto.

L’omicidio è accaduto a Torino, nella casa dei due coniugi e sembra che a generare la tragedia sia stata la recente intenzione manifestata dalla donna di porre fino al loro matrimonio. Che il legame tra i due nell’ultimo periodo si fosse incrinato era una cosa nota ma che il marito potesse arrivare a tanto era davvero impossibile da  prevedere. Infatti Salvatore Scaldone ha raccontato ai carabinieri di avere sognato l’uxoricidio ed immaginato di sparare alla donna un colpo di pistola alla nuca, ma quando si è risvegliato ha scoperto di averla davvero uccisa.

Il pm Marco Sanini non sembra avere creduto alla particolare confessione e ha contestato all’uomo il reato di omicidio volontario con l’aggravante della premeditazione.

In base alla ricostruzione degli investigatori Scaldone è rientrato a casa di notte e quando ha visto la moglie che dormiva nel letto le ha sparato un unico colpo di pistola alla nuca, poi ha chiamato i carabinieri. Prima dell’arrivo delle forse dell’ordine sono rincasati anche i due figli della coppia che hanno scoperto l’orribile omicidio e hanno trovato il padre in evidente stato di agitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.