Salvatore Parolisi, la sorella ha chiesto l’affido della bimba

Mentre Salvatore Parolisi resta in prigione in seguito alla decisione della Cassazione che ha respinto l’istanza di scarcerazione, si attende la decisione del tribunale dei minori di Napoli. Parolisi è accusato dell’orribile omicidio di sua moglie Melania Rea, ma più di tutti adesso bisogna proteggere la piccola Vittoria, la figlia di Salvatore e Melania. Questa è stata da sempre la preoccupazione principale della famiglia Rea. Il timore che Salvatore Parolisi sia davvero l’assassino di Melania è ciò che ovviamente sconvolge più di ogni altra cosa la famiglia della vittima. C’è una bambina da proteggere, una dolce creatura a cui un domani bisognerà spiegare chi le ha portato via la sua mamma.

Oggi nel tribunale dei minori di Napoli si è svolta l’udienza per la revoca della patria potestà per Salvatore Parolisi. Adesso il tribunale deve pronunciarsi sull’affidamento di Vittoria e l’attesa dovrebbe durare una settimana. Ma se è ovvio che la famiglia Rea chiedesse l’affido di Vittoria, la delusione per loro è arrivata dalla medesima richiesta da parte della sorella del caporal maggiore, Franca Parolisi. Dal 18 aprile scorso la bambina è sempre rimasta a casa dei nonni materni ed è evidente che loro non avrebbero mai voluto che la famiglia Parolisi avanzasse una tale pretesa.

Dopo l’arresto di Parolisi l’udienza di oggi è stata la prima occasione di incontro tra lui e i Rea. Il comportamento della famiglia di Melania è sempre stato esemplare e oggi Michele, fratello della vittima, avrebbe voluto guardarlo negli occhi ma dopo l’udienza ha commentato che Salvatore non l’ha neppure degnato di uno sguardo. E alla domanda se pensa che sia lui il vero colpevole, ha risposto: “Non si può capire questo dallo sguardo ma le carte cantano e tutto porta a lui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.