Francesco Azzarà libero, ultime notizie: telefona alla mamma

Francesco Azzarà è  libero. E’ questa la notizia arrivata nel pomeriggio di ieri dal Sudan. Come tutti ricorderanno, si tratta del cooperante di Emergency sequestrato in Sud Darfur. Il cooperante, impegnato come logista nell’ospedale di Emergency a Nyala era stato rapito lo scorso 14 agosto mentre stava andando in aeroporto con alcuni colleghi. Azzarà è stato liberato ieri. La notizia è arrivata nel pomeriggio, ma Emergency si è mantenuta cauta e riservata fino a che non ha avuto modo di sentire il cooperante. Adesso è tutto confermato: Francesco Azzarà dopo 4 mesi e mezzo è libero e proprio qualche ora fa ha telefonato alla mamma, in apprensione per lui dal giorno del rapimento.Azzarà ha sentito telefonicamente la mamma, Fortunata Legato, e l’ha tranquillizzata della sue condizioni di salute. «Francesco mi ha chiamato – ha detto la donna – e mi ha tranquillizzata sulle sue condizioni. Mi ha detto che è felice e che presto ci vedremo». I genitori di Francesco non hanno ancora avuto modo di riabbracciare il figlio che è rientrato stamane in Italia e si trova attualmente a Roma. Dunque nessun dubbio, adesso è davvero libero. Ieri la presidente di Emergency Cecilia Strada, aveva detto all’Ansa: «Fino a che non sentiamo la sua voce non crediamo alla sua liberazione. Alte autorità sudanesi ci hanno annunciato la liberazione di Francesco, stiamo aspettando le conferme», si legge sul sito dell’organizzazione. Azzarà è arrivato questa mattina, intorno alle 6.00, in Italia, atterrando all’Aeroporto Militare di Ciampino. Secondo quanto si è appreso Azzarà si trova ora in una caserma dei Ros per essere ascoltato da carabinieri e pm per fare chiarezza sulla vicenda del rapimento. Quel che è certo è che per il cooperante, l’organizzazione umanitaria e la sua famiglia l’incubo è finito: presto Francesco tornerà a casa e potrà passare un sereno Natale, lontano dal Sudan.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.