Roberto Straccia ultime notizie: ieri i funerali, mille persone per lui

Mille persone per dare l’ultimo saluto a lui, Roberto Straccia, il giovane 24 enne di Fermo scomparso lo scorso 14 dicembre a Pescara, città in cui viveva per motivi di studio. Ricordiamo che Roberto era uscito da casa per fare footing sul lungomare. Dopo di che di lui si persero le tracce finché un freddo giorno di gennaio, il 7, il mare di Bari non respinse un corpo sulla riva: quel corpo era proprio il suo. Come sia finito in mare è ancora un mistero per la famiglia e per tutti coloro che lo conoscevano e hanno seguito la sua storia. Ieri, i funerali. Accanto alla bara bianca c’erano i suoi cari, che non hanno smesso un attimo di cercarlo per tutti i giorni in cui non si avevano sue notizie: c’erano il padre Mario, la madre e la sorella Lorena, e tutti gli amici, i compagni di squadra, gli amici di Pescara che si sono stretti a lui e che fino alla fine fra fiaccolate, ricerche, appelli, volantini e messaggi hanno sperato di ritrovarlo vivo.

Secondo le ultime notizie, Roberto sarebbe morto lo stesso giorno in cui è scomparso, dunque il 14 dicembre. Era salito sul Ponte del Mare, di Pescara, come si vede da un video registrato da una videocamera. Poi però Roberto svanisce nel nulla: probabilmente da quel ponte non ci è mai sceso: le telecamere dei lidi non lo hanno ripreso mentre passava dagli stabilimenti. Ieri il vescovo di Fermo Conti, durante l’omelia, ha elogiato gli amici e il coraggio della famiglia, che in un momento di grande disperazione ha mostrato dignità e compostezza. Dopo la cerimonia funebre, la salma è stata tumulata nel cimitero del paesino marchigiano. Ma non si concludono le indagini. Il mistero rimane. E rimane il dolore nel cuore di tutti i pescaresi e tutti i marchigiani che hanno sperato, fino all’ultimo, in un lieto fine.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.