Roberta Ragusa ultime notizie, parla un testimone: “Voleva andarsene”

Torniamo a parlare della scomparsa di Roberta Ragusa, la donna 44 enne sparita da San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, nella notte tra il 13 e il 14 gennaio scorso. Si aprono nuove piste da seguire: da un lato una macchina a grande velocità ha lanciato un biglietto ai giornalisti fermi davanti a casa di Roberta, invitandoli a indagare all’inceneritore, in quanto il marito Antonio Logli sarebbe stato visto proprio alla discarica. Dall’altro lato invece abbiamo una persona, un amico di Roberta, una voce fuori dal coro, che gli inquirenti considerano attendibile: si tratta di un uomo che vive fuori della Toscana e che solo da poco è venuto a conoscenza della storia. “Roberta mi aveva detto che voleva andarsene”, ha riferito il nuovo “supertestimone”. Ecco le ultime notizie.

Non si conosce l’identità di questa persona a cui Roberta avrebbe confidato il suo malessere e quella volontà di allontanarsi per andare via. Secondo le ultime notizie Roberta lo avrebbe detto anche all’anziana zia di Pisa, in grande ansia per la nipote che la curava e che le faceva tante piccole commissioni: «Mi sa che vado via, magari per una settimana, al sole, in Sicilia: ho bisogno di staccarmi da qui, di riposarmi un po’». Dunque, che Roberta si sia davvero allontanata da sola? La donna avrebbe mai lasciato i suoi figli, che, a detta di molti, erano la sua più grande gioia per due lunghissimi mesi? Ma, anche se fosse così, se Roberta si fosse allontanata volontariamente, quello che ci chiediamo è: una donna che decide di andare via, anche nel cuore della notte, lo fa con il pigiama e la ciabatte ai piedi e senza macchina? Sembra molto strano.

Clicca qui per rimanere sempre aggiornato sui casi di cronaca riguardanti le persone scomparse in Italia. È la nostra pagina Facebook per aiutare i familiari degli scomparsi nelle ricerche.

 

 

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.