California: giocatore segna il touchdown e muore, non è il primo caso

Muore a 16 anni dopo aver segnato un touchdown. E’ successo a un giovanissimo giocatore di football americano della squadra scolastica Downey High della città di Lynwood, in California. Si chiamava Dodi Soza il giovane giocatore morte. Il 16enne si è accasciato per terra e ha perso conoscenza nel corso di una partita giocata giovedì scorso. Non è il primo caso.Il 16enne era stato ricoverato, in seguito al malore, presso la clinica Long Beach Memorial Hospital. Purtroppo oggi è stato dichiarato il suo decesso. Non è stata ancora resa nota la causa della sua morte. La morte del giocatore 16enne ha senz’altro scosso molto la comunità della città. Nel corso della notte una folla di amici, compagni di scuola e parenti si era riunita pregando per lui, davanti l’ospedale dove Dodi era ricoverato.
Ma le preghiere sono servite a ben poco. Anche il sindaco di Lynwood, Mario Guerra, ha preso parte al cordoglio dopo aver postato su Twitter un commento: «Uniamoci tutti nella preghiera per ricordare uno di noi».

Nel frattempo proseguono le indagini sulla morte di Dodi per cercare di chiarire meglio la possibile causa del suo decesso.
«La legge federale sulla privacy proibisce la divulgazione della causa di una morte», avrebbe riferito la portavoce dell’ospedale Rochele Steele al canale televisivo di Los Angeles, Ttla 5. Il giovane giocatore si era accasciato per terra subito dopo l’azione di aver marcato per la sua squadra. L’episodio è siccesso intorno le 15,24 di giovedì scorso. In poco tempo erano giunti in soccorso, i paramedici dei vigili del fuoco della Contea di Los Angeles, intervenuti per trasportarlo al St. Francis Medical Center. In seguito, Soza era stato poi trasferito al Long Beach Memorial.

Una morte simile era spettata tristemente a un altro giocatore di football del Kansas, morto una decina di giorni fa: Andre Maloney, giocatore della Shawnee Mission West High School, anche lui dopo aver siglato un touchdown nel corso di una partita giocata il 3 ottobre scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.