Usa, scout distrugge la roccia millenaria: sostiene di essere disabile

Il capo scout Glenn Taylor dovrà presentarsi in un’aula di tribunale per aver abbattuto un’antica roccia millenaria di un parco nello Utah. Da qualche pare che lo scout è accusato di un altro reato. Secondo quanto lui stesso avrebbe riferito, nel 2009, lo scout sarebbe rimasto disabile a causa di un incidente d’auto con una ragazza. L’uomo, infatti, riceve delle retribuzioni dalla stessa per i danni subiti.  Il padre della giovane, dopo aver visto la sua bravata sul web, sporge denuncia sull’uomo impostore. Il padre della ragazza avrebbe, infatti, riferito che l’uomo non è affatto disabile, almeno fisicamente: “Casomai è disabile di testa…”. Lo scout, autore di quel video diffuso sul web, in cui l’uomo distrugge una roccia millenaria, ha intentato una causa contro una ragazza che l’ha investito, dichiarando di aver riportato gravi danni fisici in seguito all’incidente.
“Semmai la sua è una disabilità psichica”, avrebbe riferito con ironia il padre della ragazza vedendo quel video in cui è in perfetta forma, tanto da distruggere la roccia millenaria.  L’uomo adesso spera che il video possa servive come testimonianza delle sue bugie e che dimostri che lo scout non è affatto disabile.  Gleen Taylor avrebbe sostenuto, invece, che dopo l’incidente ha dovuto fare i conti con una “grande sofferenza e disabilità”, oltre alla “perdita della gioia di vivere”.
Nel frattempo, i compagni scout di Gleen Taylor hanno ricevuto una serie di minacce via internet per aver distrutto la roccia millenaria del Goblin Valley State Park. Adesso i colpevoli di tale reato si sono pentiti pur sostenendo che la roccia millenaria era pericolosa ed è stato necessari abbatterla. Ma da quanto appare evidente nel video, sembra infatti che il loro gesto di esultanza dopo aver distrutto la roccia, non fa che contraddire le loro parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.