Cercano il loro padre sul web: da Lione a Orgosolo per incontrare i fratelli dopo 47 anni

E’ la storia di Louis e Veronique, fratello e sorella, che a distanza di 47 anni, scoprono il vero padre. Da Lione giunge una telefonata diretta nella cittadina sarda di Orgoloso, in provincia di Nuoro. “Mi chiamo Louis, ho 47 anni e sono di Lione. Io e mia sorella Veronique crediamo di essere figli di suo marito”. A rispondere al telefono è Mariangela Succo, una donna di 71 anni, vedova di Luigi Garippa. La donna è madre di dieci figli avuti con il defunto marito. Luois e Veronique non desideravano altro che incontrare i propri fratelli. A raccontare la loro storia è la giornalista Maria Giovanna Fossati sul sito di Sardiniapost, diretto da Giovanni Maria Bellu.Oggi, finalmente, il loro sogno si è coronato. Il padre, però, è morto l’anno scorso. La signora Succo era rimasta sorpresa dal ricevere la telefonata di Louis con cui sarebbe riuscita a parlare grazie a un interprete. Louis e Veronique sono stati accolti con affetto dalla numerosa famiglia. Una delle sorelle ieri ha raccontato: “Non vediamo l’ora. Non ci dormiamo nemmeno la notte talmente è tanta la felicità di incontrarli. Ci sentiamo tutti i giorni via Skype con entrambi ed è come se ci conoscessimo da sempre”. Una storia le cui radici sono lontane ma unite da un profondo affetto e un legame di sangue. Luigi Garippa, padre in comune dei fratelli lontani, si era trasferito in seguito a un’emigrazione che nel Dopoguerra spinse molti sardi senza un’occupazione a lasciare la terra natale tentando la fortuna in Francia. Nel 1961 Garippa dopo aver trovato lavoro presso un’impresa che si occupava della costruzione di forni a Lione, conosce quella che sarà la madre di Louis e Veronique. Fratello e sorella crescono in un orfanotrofio. Il padre, invece, dopo un po’ di tempo torna Orgosolo. Qui prende in moglie Mariangela Succu, dalla cui relazione nasceranno i dieci figli. Crescendo i due bambini francesi non si danno per vinti e iniziano a cercare il padre naturale. Grazie all’aiuto di una zia materna, che svela loro il nome, riescono a risalire a lui. Dopo una serie di ricerche sul web, finalmente trovano il numero della famiglia sarda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.