Monza, picchia la moglie e la violenta di fronte ai figli

Un novo episodio di violenza sulle donne arriva da Monza, dove un uomo di 49 anni ha picchiato e violentato la moglie di fronte ai figli. A compiere questo terribile gesto è un operaio, arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e di violenza sessuale ai danni della moglie, una donna di 47 anni. L’episodio ha avuto luogo sabato mattina, quando la donna ha deciso di chiedere aiuto chiamando la centrale operativa della caserma di via Volturno. E così in lacrime ha raccontato quello che le era accaduto: il marito l’aveva picchiata e violentata, e il tutto era avvenuto di fronte ai figli piccoli dei coniugi.

I  bambini hanno dovuto subire la visione di questa traumatica scena. La donna, dopo essere stata costretta ad avere un rapporto sessuale con il marito, era stata trascinata per i capelli e sbattuta in modo violento al muro. A seguito della telefonata, i Carabinieri si sono recati sul posto. E’ intervenuta anche un’ambulanza, che ha provveduto a prestare un primo soccorso alla donna per poi portarla in ospedale. Le indagini avrebbero però condotto ad una terribile verità: non era la prima volta che l’uomo aggrediva la moglie in maniera così violenta, ma ci sarebbero dei precedenti. In apparenza si trattava di una famiglia normale. Marito e moglie sono entrambi di origine nigeriana, e l’uomo aveva un lavoro regolare a Monza. Ora il 49enne è stato arrestato per aver picchiato e violentato la moglie davanti ai figli.

Purtroppo la violenza ai danni delle donne è all’ordine del giorno. Mogli, amanti, fidanzate ma anche sconosciute spesso sono costrette a subire la prepotenza di uomini che le trattano come oggetti. Nel caso in questione c’è un fattore aggravante da non sottovalutare: l’ira dell’uomo si è consumata sotto gli occhi di bambini innocenti che non dovrebbero mai assistere a scene del genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.