Roma, ascensore non funziona: Anna, bimba disabile non esce dalla classe

Una commovente storia arriva da Roma, dove una bimba disabile non esce dalla classe perché l’ascensore non funziona. Il suo nome è Anna, ha 4 anni ed è relegata nella sua aula, non può scendere in cortile con gli altri bambini. La sua disabilità le impedisce di allontanarsi dalla sua classe. La piccola ha una paralisi celebrale discinetica, e per questo è costretta sulla sedia a rotelle. La sua scuola non è però attrezzata per garantirle una vita il più normale possibile: non c’è un montascale, uno scivolo, c’è solo un ascensore, per lo più nuovo, mai collaudato e messo in uso.

E così questa bimba disabile è vittima di una burocrazia che come al solito si fa attendere. Frequenta la scuola materna Il Gelsomino in zona San Paolo. Anna non solo non può andare in cortile, ma non può nemmeno partecipare al laboratorio di musica, alle lezioni in palestra. L’unica alternativa è che qualche insegnante in grado la trasporti tenendola in braccio. La mamma della piccola Anna, Nunzia Inchingoli, dice che si tratta di “una vergogna“, è “dal primo giorno di scuola che mia figlia è costretta a rimanere prigioniera in classe” per problemi di tipo burocratico, considerando che l’ascensore c’è ed è nuovo. E così questa mamma lo scorso 6 novembre ha presentato un esposto all’VIII gruppo dei vigili affinché intervengano in questa assurda vicenda, ma ancora nessuno ha fatto nulla per la sua bambina, che non può uscire dalla classe. Ora dal Municipio però arriva la promessa: “Entro Natale entrerà regolarmente in funzione“. Ed è quello che si augurano tutti al fine di garantire uno svolgimento sereno delle attività scolastiche da parte di Anna, la bimba disabile attualmente prigioniera in classe a causa dell’ascensore che non è stato messo in funzione. La piccola, alla luce di ciò, non può che sentirsi diversa dagli altri ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.