Maltempo, prima neve a Milano. Rimane l’allerta al Sud

Milano imbiancata. Considerate le avvisaglie di quest’oggi per gli abitanti della città meneghina non potrebbe passare molto tempo prima che ciò avvenga. Già dalle prime ore di questa mattina, un nevischio ha iniziato a cadere su Milano, trasformandosi ben presto in pioggia. I primi fiocchi di neve non hanno lasciato tracce sui palazzi della città e non hanno creato disagi alla circolazione. Tuttavia, sono la prova concreta dell’abbassamento delle temperature che negli ultimi giorni stanno riguardando l’intero Nord Italia.
La neve è attesa anche a Torino e sulla parte meridionale del Piemonte, mentre a est, in Veneto, sono state registrate minime in ribasso di cinque gradi rispetto alla media stagionale (con punte di -10 gradi a Cortina d’Ampezzo). Nella giornata di domani, invece, il bel tempo dovrebbe tornare al Nord.
Emergenza maltempo invece al Sud, dove l’allerta lanciata ieri, rimane attiva su Calabria, Basilicata, Puglia e Molise.
Sarà un weekend di forte maltempo sulle regioni meridionali con piogge, forte vento e anche rischio di nubifragi“, ha dichiarato il meteorologo di 3bmeteo. com Edoardo Ferrara. “Si sta formando in queste ore un ciclone mediterraneo, al largo della Libia, che risalirà lo Ionio portando un sensibile peggioramento delle condizioni meteo al Sud. Il clou del maltempo tra sabato sera e domenica quando, in particolare sui versanti ionici, si potranno avere piogge anche molto abbondanti, con accumuli localmente superiori ai 100mm”.
Calabria, Basilicata, Puglia e Molise tra le regioni più colpite – ha aggiunto Ferrara – in particolare crotonese, catanzarese, materano, metapontino in generale, Salento e barese, con locali dissesti idrogeologici non esclusi. Sui settori molisani si aggiungerà inoltre la fusione della neve caduta in abbondanza sull’Appennino, che andrà ad aggiungersi alle già forti piogge previste. Rovesci in arrivo anche su Campania, Sicilia e – ancora una volta – Sardegna, specie cagliaritano, con il maltempo che tenderà a spingersi verso il Centro, interessando soprattutto le adriatiche e, in misura minore, anche Lazio e Umbria. Attenzione al vento, che soffierà forte da Scirocco sullo Ionio, tra Levante e Grecale altrove, con mari agitati, onde superiori ai 4-5 metri sui settori ionici con mareggiate”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.