Berlusconi: “Capisco Craxi, ma io non scapperò all’estero”


A dispetto della condanna definitiva per corruzione, dei molti processi sulle spalle in cui è accusato dei reati più disparati e della decadenza da senatore, Silvio Berlusconi continua a parlare da leader del centrodestra calamitando su di sé l’attenzione in un momento in cui la tensione sociale nel Paese è molto elevata e l’Italia non sembra più essere immune dalle ondate di proteste che negli ultimi anni hanno riguardato molte nazioni dell’Unione europea.
Che l’ex cavaliere abbia come modus operandi quello di utilizzare parole forti è cosa nota a tutti, quale sia però il peso delle ultime uscite pubbliche in rapporto con quanto sta avvenendo negli ultimi giorni è ancora tutto da vedere.
In un’intervista rilasciata a un’emittente radiofonica francese, l’ex senatore ha dichiarato di essere certo che se i giudici decideranno per il suo arresto, in Italia “ci sarà la rivoluzione“. Berlusconi ha specificato: “Non ho paura che mi mandino in prigione. Ma sarà difficile che lo facciano poiché avrei immediatamente con me la grande maggioranza del paese alle prossime elezioni”.
Successivamente, il capo di Forza Italia, nel corso di una presentazione di un libro su Bettino Craxi, ha aggiunto: “Ho letto le prime trenta pagine del libro, le altre mi riservo di leggerle quando sarò in galera“. Secondo Berlusconi, “siamo di fronte ad un quadro drammatico per il nostro Paese. Io ho una fotografia chiarissima della situazione: l’Italia non è piu’ una democrazia, la magistratura si è trasformata in un contropotere capace di sovrastare i poteri legislativo ed esecutivo“. Nella lettura dell’ex senatore, la decadenza di cui è stato oggetto è soltanto l’ultimo tassello di un’operazione nata venti anni fa: “Il Pd ha fatto un accordo con la magistratura per assassinare (politicamente, ndr) il leader del centrodestra“.
Berlusconi ha poi escluso di non voler emulare Craxi, lasciando l’Italia: “Non intendo abbandonare la lotta”. E la scelta di rimanere in campo è dedicata per l’appunto anche all’ex leader del Psi: “Capisco Bettino perché non c’era speranza alcuna, io invece sono intenzionato a continuare la lotta anche per lui“. E’ doveroso ricordare come nel 2000, la Corte di Cassazione non assolse Berlusconi dall’accusa di aver versato a Craxi una maxi tangente di oltre 22 miliardi di lire: dopo una condanna in primo grado, il reato fu prescritto per decorrenza dei termini.


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close