Nuoro, 20enne uccide padre a Capodanno e scappa: è caccia all’uomo

Nella giornata di ieri si è consumata l’ennesima lite familiare finita in tragedia. Un 20enne ha ucciso il padre durante il pranzo dell’1 gennaio a Bitti, in provincia di Nuoro, sparandogli. Il giovane è Pietro Basile, 20 anni, è poi fuggito a bordo di un’automobile con la pistola. Ora è caccia all’uomo in Sardegna. Il padre, Franco Basile, 41 anni, è stato soccorso e portato presso l’ospedale San Francesco di Nuoro, dove però è morto poco dopo. Un proiettile sparato dal figlio con l’arma gli ha attraversato il torace non lasciandogli scampo.

Non sono note le ragioni di questo folle gesto perpetrato dal figlio 20enne ai danni del padre. Ciò che si sa è solo che nella giornata di ieri qualcosa deve essere andato storto, e il giovane ha sparato in direzione di Franco Basile, suo padre, ferendolo mortalmente. Si trovavano a pranzo dai nonni per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Pietro Basile, ricercato, ha lasciato l’auto a bordo della quale era fuggito in campagna, facendo perdere ogni traccia di sé. Le forze dell’ordine stanno cercando il 20enne da ieri, ma al momento non si ha alcuna notizia del giovane. Secondo i Carabinieri, però, non sarebbe andato lontano.

La famiglia Basile non è nuova ad eventi tragici nel corso delle festività natalizie. Nel 2010 il fratello della vittima, Ciriaco Basile, era stato ucciso a colpi di fucile mentre cercava di entrare nella sua azienda agricola. I fatti erano accaduti nelle campagne di Bitti e Ciriaco non era nuovo a minacce e attentati del genere.

Purtroppo la cronaca ci ha abituato a episodi familiari di questo tipo. Liti che finiscono in tragedia sono frequenti, e molte persone ci rimettono la vita. Da chiarire sono però le cause del gesto del 20enne. Perché ha sparato e ucciso il padre?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.