Calabria, scontro tra due treni: tra i feriti due sono gravi

Notizie Flash- Un grave incidente è accaduto in Calabria, sulla linea ferroviaria Catanzaro- Cosenza, precisamente nei pressi di Gimigliano, piccolo comune di circa 3000 abitanti in provincia di Catanzaro. Al momento si contano solo due feriti, le cui condizioni sembrano alquanto gravi. In aiuto è giunto un elisoccorso che ha trasportato i feriti all’ospedale di Catanzaro. Restano per il momento sconosciute le cause dello scontro. Secondo le prime ricostruzioni, però, pare che a scontrarsi siano stati due treni delle Ferrovie della Calabria. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri per svolgere i rilievi, e i vigili del fuoco di Gimigliano. Questi avrebbero chiesto l’aiuto dell’elisoccorso per trasportare i due feriti. Non sappiamo se possano esserci altri feriti. Non ci resta che attendere gli ulteriori aggiornamenti e l’esito delle verifiche da parte degli inquirenti al fine di comprendere le cause dell’incidente ferroviario. Sono attese notizie anche sulle condizioni di salute dei due feriti.

Aggiornamento: Sul posto è giunto anche il sindaco di Gimigliano, Massimo Chiarella che sta dando una mano nel coordinare i soccorsi. Intanto, sono giunte altre squadre di vigili del fuoco in soccorso. Il bilancio dei feriti sale a sei: due di questi sono gravi e sono stati ricoverati in codice rosso, ma per fortuna sono fuori pericolo di vita. Tra gli altri quattro, invece, c’è una donna in gravidanza. Altre dieci persone sono rimaste ferite lievemente. Nel frattempo, resta ancora da chiarire la dinamica dell’incidente. Sappiamo solo che si è trattato di uno scontro tra due littorine che stavano viaggiando in direzione opposta, finendosi per scontrare su un tratto a binario unico. Ciò che conta per il momento è che non ci siano vittime. Attendiamo ulteriori aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.