Michele Misseri di nuovo in tv: “Sono il fantasma di Avetrana”

Michele Misseri torna in tv e parla ai giornalisti di Segreti e Delitti definendosi il fantasma di Avetrana. Ecco le ultime

Michele Misseri torna a parlare in tv ma questa volta non è una sua volontà. Sono i giornalisti di Segreti e Delitti che decidono di intervistarlo per chiedergli come procede la sua vita. Michele è diverso dall’ultima volta che lo abbiamo visto in un programma televisivo: ha i baffi neri, il volto segnato. Lavora nei campi, dice di non avere più una vita e si definisce “il fantasma di Avetrana“. Non ha più soldi, non ha nessuna persona che lo aiuta. Ha solo gli avvocati.

Michele però di una cosa è convinto: la sua colpevolezza. Ancora una volta infatti ribadisce che è stato lui a uccidere Sara. “Non mi perdono solo una cosa: dovevo dirlo prima, non so perchè mi sono inventato tutto il resto. Adesso ci sono in carcere due persone innocenti che non hanno nulla a che fare con la morte di Sara” queste le parole di Michele Misseri. L’uomo non va da Concetta e non ha intenzione di farlo perchè lei non crede alla sua versione sarebbe quindi inutile bussare alla sua porta. Michele è deluso, solo, depresso, non ha soldi perchè può lavorare solo nel territorio di Avetrana ma in paese nessuno gli sta vicino. Racconta anche che la sua stessa famiglia lo ha allontanato: non è stato voluto ai funerali di sua sorella e a quelli di suo nipote.

LA MORTE DI COSIMO COSMA

Ha però una speranza: che Sabrina Misseri e sua moglie Cosima Serrano tornino in libertà ed è per loro il messaggio finale. “Fatevi coraggio perchè presto tutto questo finirà” sono queste le parole di Michele che si rivolge a Sabrina e a Cosima. Le due intanto dal carcere continuano a non rispondere alle sue lettere e lo ignorano.

L’intervista a Michele Misseri è andata in onda nella puntata di Segreti e Delitti del 13 giugno. Ricordiamo che Sara e Cosima sono in carcere con l’accusa di aver ucciso la piccola Sarah Scazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.