Caso Yara, Massimo Giuseppe Bossetti ossessionato dai tredicenni?

Qualcosa si muove, o meglio si starebbe muovendo. Mentre dal carcere Massimo Giuseppe Bossetti continua a proclamarsi innocente gli inquirenti vanno avanti con le loro indagini. Secondo quanto riportato da Repubblica nelle ultime settimane sarebbero emerse molte cose interessanti dopo l’analisi dei pc utilizzati per la navigazione sul web di Bossetti. Si era già parlato del fatto che l’uomo avesse potuto visitare dei siti con contenuti pornografici, e vi avevamo anche detto più di un mese fa che i legali di Bossetti avevano subito messo le mani avanti dicendo che il computer usato dal muratore di Mapello non era nuovo per cui potevano essere presenti sull’hard disk delle tracce passate. Quello che emerge oggi però è ben diverso. Parliamo sempre al condizionale ovviamente perchè si tratta di indiscrezioni che dovranno essere confermate poi da chi indaga. Pare che sul computer in uso a Bossetti siano state effettuate diversi ricerche di siti pedopornografici, in particolare tra le parole più usate per le ricerche sul web ci sarebbe “tredicenni“.

Una sorta di ossessione quindi per i ragazzini e le ragazzine di quell’età che si legherebbe al caso Yara Gambirasio. Ricordiamo che la piccola Yara all’epoca dei fatti aveva solo tredici anni.

Secondo quanto riporta il quotidiano “Repubblica”, la perizia sui pc di Bossetti rivela che l’uomo avrebbe fatto questo tipo di ricerca almeno cinque volte, anche se non in tutti i casi è possibile datare l’attività ( pare però che una delle ricerche sia avvenuta nell’ultimo periodo). Se confermato, quanto emerso andrebbe a segnare un punto vincente per l’accusa, dimostrando un interesse sessuale di Bossetti per le giovanissime.

Gli inquirenti seguono ogni genere di pista, negli ultimi giorni era anche emersa una vicenda che riguarda la vita di coppia di Bossetti e di sua moglie. Due uomini sarebbero stati chiamati per essere ascoltati, in quanto amanti della moglie del presunto assassino di Yara. LEGGI QUI PER APPROFONDIRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.