Londra, uccide la moglie e vende le figlie agli stupratori: denunciato papà orco


Una vicenda che più cupa non può arriva da Londra. Un Papà orco uccide la madre e vende le 3 figlie a degli stupratori. Era soltanto una bambina all’epoca dei fatti, ma adesso ha trovato il coraggio di denunciare il genitore. Gaby Gillespie, oggi 50enne, ha dichiarato di essere stata minacciata dopo che il papà orco aveva già infierito sulla madre della piccola. Prima uccide la moglie e poi vende le figlie a degli stupratori. Le costringe a sposare degli uomini che hanno abusato di loro per anni. Oggi che il padre è morto è sicura che la sua famiglia non correrà rischi. Così, finalmente Gaby si è tolta un peso dallo stomaco che la attanagliava da anni.

Londra, 20enne ha 3 fidanzate contemporaneamente: viene scoperto e aggredito – LEGGI QUI

A soli sei anni, lei e le sorelle vengono vendute a uomini più vecchi che avevano cattive intenzioni. La donna racconta che una sua sorella si suicidò soltanto un paio di anni dopo, alla tenera età di 8 anni, poiché non voleva essere costretta a stare insieme a un uomo di 60 anni. Il marito di Gaby era alcolizzato e violento: abusò di lei persino davanti ai suoi figli. La donna riuscì a fuggire in Inghilterra con i suoi 5 figli, ma la paura è sempre stata forte.

Londra, incidente per il principe Harry – LEGGI QUI


Dopo aver trovato alcune persone che l’hanno aiutata, oggi è riuscita ad andare avanti e raccontare la tragica storia. Dunque, un papà orco uccide la moglie e vende le figlie a degli stupratori pedofili. Finalmente la donna ha trovato il coraggio per raccontare la triste storia adesso che tutti i carnefici coinvolti in quella brutta vicenda sono morti.


Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close