Pedofilia: i dati in Italia sono sempre più allarmanti


Brutto quarto posto per l’Italia. La classifica è quella relativa al consumo della pedofilia su Internet. Lo rende noto l’associazione di Telefono Arcobaleno tramite i report di maggio. Triste primato per l’Italia che ha il 6% dei consumatori di siti di pedofilia, ma anche per i paesi europei che risultano i maggiori consumatori  di siti pedopornografia, con il 51%. Segue al secondo posto, il nord America con il 47%.

I numeri che emergono sono dati preoccupanti: i nuovi siti di pedofili sono 18.185, mentre i consumatori di questi sono più di 12.000 al mese. Cifre da capogiro addirittura per una semplice indagine di mercato.

La cosa che più preoccupa è che quest’anno c’è stato un incremento del 15% dal trimestre dell’anno passato. L’Italia ha anche una particolarità, che emerge sempre dalla ricerca: nel nostro paese ci sono pochi siti pedopornografici, ma la richiesta di foto, video e immagini, che parte dal nostro paese, è molto alta, anche se è indirizzata a siti esteri. Chi invece vede accrescere inesorabilmente la presenza di questi siti, sono i paesi anglosassoni che continuano a detenere questo triste primato.

Nonostante i continui monitoraggi della polizia postale e delle varie organizzazioni, i siti di pedofili, appaiono sul web in continuazione e vengono montati in pochi attimi. Per uno oscurato o chiuso, ce ne sono già pronti due.


I pedofili si sono informatizzati e continuano a muoversi in rete, con particolare attenzione a non farsi riconoscere o rintracciare. Si può contare, però, sulla collaborazione sempre più chiara e netta dei Provider che per il 99% dei casi, collabora attivamente con l’associazione Telefono Arcobaleno, oscurando immediatamente i siti segnalati.

Teresa Corrado


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

2 commenti su “Pedofilia: i dati in Italia sono sempre più allarmanti”

  1. 7 Aprile 2011

    […] Pedofilia: i dati in Italia sono sempre più allarmanti […]

    • 8 Aprile 2011

      non sono per la pena capitale, ma nei casi di pedofilia la pena di morte ci stà benissimo.

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close