Terremoti Nord Italia 17 luglio ultime notizie, parla l’esperto

Ieri, 17 luglio 2011, due scosse di terremoto hanno scosso tutto il Nord Italia. La paura tra gli abitanti di quelle zone è stata tanta: sono stati in moltissimi a raccontare sul nostro sito di informazione di aver avvertito chiaramente il terremoto e che, in casa, tremavano piatti e bicchieri. Oggi, 18 luglio 2011, è intervenuto l’esperto, per capire realmente, cosa è successo ieri. Quella di ieri sera è stata una scossa che ha messo paura al Nord Italia con quattro movimenti tellurici avvertiti intorno alle 20.30. Il primo, alle 20,22 di magnitudo 3,1 della scala Richter, tra Rovigo e Mantova; il secondo, di 4,7; il terzo, alle 20.38, di magnitudo 2,8 e, l’ultimo, alle 21.22 di magnitudo 2,3. A Verona sono stati cancellati alcuni treni ed altri hanno subito dei ritardi.Enzo Boschi, presidente dell’Ingv, ha spiegato che sono state due scosse, le piu’ forti, ravvicinate e che la seconda, da 4,7 , è stata quella che avranno sentito anche a Milano, che invece è un territorio dove non c’e’ una grossa attività sismica’. Dal Veneto però le onde arrivano nettissime. Nel 2004, anche quello di Salò, si senti’ molto bene. Ma cosa è successo? Accade che l’energia, pari a quella di una grossa esplosione, viaggia a 10,15 chilometri in profondità. La microsismicita’ c’e’ dovunque, in Italia ci saranno dalle 8 alle 9 mila minime scosse l’anno, la maggior parte non vengono avvertite.

Enzo Boschi spiega poi che non c’è bisogno di allarmarsi perché se gli edifici sono costruiti bene si può stare tranquilli, se sono costruiti male invece no, perchè possono venire giù. Il terremoto e’ un fenomeno normale, non deve preoccupare, afferma l’esperto. Riguarda tutto il nostro pianeta che subisce circa 100 mila scosse ogni anno.

Terremoto 18 Luglio nel Lazio

Terremoto 17 Luglio: un treno sospeso in Lombardia

Sciame sismico in Italia, parla il sismologo

Terremoto 17 luglio, ultimi aggiornamenti

Terremoto 17 luglio Nord Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.