Processo Scazzi, Sabrina e Cosima uccisero Sarah

Continua la requisitoria per il Processo Sarah Scazzi: il pm non ha dubbi, a ucciderla furono Sabrina e Cosima

Sono giorni infuocati quelli che si stanno vivendo a Taranto dove si stanno tenendo le requisitorie per il Processo sulla morte della piccola Sarah Scazzi. Accusate dell’omicidio della tredicenne di Avetrana Sabrina e Cosima Misseri continuano a dichiararsi innocenti mentre Michele, per l’ennesima volta anche ieri in tv, si prende tutta la responsabilità. L’accusa però non ha dubbi: a uccidere Sarah sarebbero state Cosima e Sabrina in un gesto d’impulso, non qualcosa di premeditato quindi. Michele subentrò solo in un secondo momento, quando bisognava intervenire per nascondere il corpo di Sarah. Non è stato quidi qualcosa di premeditato ma un gesto d’impulso, questa l’idea di Mariano Buccoliero che punta il dito contro Cosima e Sabrina dicendo che però avrebbero potuto fermarsi ma non l’hanno fatto. Cosa ha spinto le due donne a uccidere Sarah? Era davvero così profondo l’odio che entrambe provavano per la ragazza?

La ricostruzione di Buccolieri:Il 26 agosto 2010 Sarah arriva a casa verso le 13.50, Sabrina è in veranda, Michele è in cucina e scende in garage. Sarah poco dopo va via turbata per tornare a casa, viene vista dal fioraio Giovanni Bucccolieri mentre Cosima e Sabrina l’hanno raggiunta per riportarla a casa. Il ritorno a casa Misseri è verso le 14.10, tra le 14.18 e le 14.23 Sarah non può più rispondere. L’azione omicida fu uno strangolamento che è durato da tre a cinque minuti”. Ma come mai Sarah invece che passare il pomeriggio in casa di sua cugina per poi andare al mare aveva preferito andare via e tornare a casa? Cosa era successo quel maledetto giorno?

Secondo Buccolieri qualcosa di molto strano accade quel giorno in casa. Perchè altrimenti Cosima e Sabrina si sarebbero messe in macchina per impedire che Sarah tornasse a casa a raccontare magari a Concetta oppure a suo fratello quello che aveva visto o sentito? E’ la storia tra Sabrina e Ivano che ha qualcosa a che fare con tutto questo?
Il pm non prende neppure in considerazione il fatto che sia stato Michele Misseri. L’uomo dal canto suo continua invece ad andare in tv e raccontare la sua personalissima versione dei fatti. Aveva giurato che non sarebbe più comparso sul piccolo schermo e invece eccolo nella domenica pomeriggio degli italiani. Buon gusto sarebbe anche da parte degli autori e dei conduttori dei vari canali non dargli spazio anche perchè da un anno ormai racconta sempre le stesse cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.