Da Chi l’ha visto: nella bara di tua madre c’è un’altra persona


Nella puntata di Chi l’ha visto in onda il 15 aprile 2020, ampio spazio a quello che è successo in Italia a causa del COVID19 ma soprattutto a causa della pessima gestione di questa situazione emergenziale. A pagare il prezzo più caro di scelte sbagliate, sono stati sicuramente i nostri anziani, nonni e nonne che erano ospiti nelle case di riposo, nelle RSA e che da lì purtroppo, sono usciti in una bara. Le famiglie, stanche e distrutte dal dolore, iniziano a sfogarsi e lo fanno raccontando delle storie che neppure nei film verrebbero raccontate con tale crudeltà. Non sono fiction ma realtà quelle che i parenti decidono di raccontare davanti alla telecamere.

Tra le storia ascoltate nella puntata in onda ieri, 15 aprile 2020, c’è quella di una signora che viene informata della morte di sua madre. Come saprete, chi muore per coronavirus, viene avvolto in lenzuola o teli con disinfettanti, cremato o portato in una bara alla famiglia che può solo dare, nella maggior parte delle occasioni, un saluto da lontano.

LA STORIA DA CHI L’HA VISTO: NELLA BARA DI SUA MADRE C’E’ UN’ALTRA PERSONA

Dopo aver dovuto superare il trauma della morte di sua madre, la signora che racconta la sua storia a Chi l’ha visto, la saluta per sempre nel giorno della cerimonia consentita prima della sepoltura. Poi riceve una telefonata. Guardi che è successo un disguido” le dicono dalla struttura dove sua madre era ospite. “Abbiamo controllato nella camera in cui si mettono i morti in attesa di essere poi messi nella bara e ci siamo accorti che sua madre è ancora lì” dicono alla signora per telefono. “Quindi nella bara della sua mamma c’è un’altra persona” hanno concluso.

Da lì ho capito che non hanno rispetto nè per i vivi nè per i morti” conclude la signora esterrefatta per quello che è accaduto.

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close