Coronavirus ultime notizie Lombardia, il bollettino del 18 aprile 2020

Come annunciato ieri da Angelo Borrelli, le conferenze stampa giornaliere della protezione civile non ci saranno. Solo due appuntamenti settimanali per fare il punto, al lunedì e al giovedì. Continua il punto stampa della regione Lombardia che oggi 18 aprile 2020 ha diramato il consueto bollettino, con la diretta sui social dalla regione. I dati sembrano essere molto simili a quelli degli ultimi giorni. Con i decessi delle ultime 24 ore sono state superate le dodicimila vittime causate del COVID19 in regione.

Rimangono stabili i decessi da Coronavirus in Lombardia: oggi, 18 aprile, la regione più colpita d’Italia registra +199 nuove vittime in 24 ore, a fronte delle 243 di ieri. In totale i decessi da Covid ora sono 12.050. Rispetto a ieri ci sono stati +1.246 nuovi casi di positività (ieri erano +1.041), per un totale di 65.381 (ieri era 64.135).

I dati arrivano a fronte di 255.331 tamponi eseguiti (+11.818 nelle ultime 24 ore, ieri erano 243.513). Il numero dei pazienti in terapia intensiva ora è di 947 (-24 rispetto a ieri quando erano 971), i ricoverati sono 10.042 (-585 rispetto a ieri quando erano 10.627).

Per quanto riguarda le altre regioni, non ci sarà il punto giornaliero ma sul sito della protezione civile ogni giorno sarà pubblicato il bollettino con l’elenco completo di tutti gli aggiornamenti regione per regione.

CORONAVIRUS BOLLETTINO REGIONE LOMBARDIA 18 APRILE 2020

Vediamo la divisione in base alle province con i numeri di casi

  • Bergamo 10.629 (+39)
  • Brescia 11.758  (+191)
  • Como  2.439  (+154)
  • Cremona 5.407 (+94)
  • Lecco  2.030 (+25)
  • Lodi  2.714 (+36)
  • Monza e Brianza  4.042 (+67)
  • Milano  1.546 (+269)
  • Mantova  2.863 (+115)
  • Pavia 3.536 (+88)
  • Sondrio  937 (+71)
  • Varese  2.106  (+85)

Pubblichiamo i dati della regione Lombardia in quanto a oggi, la regione resta la più colpita per numero di decessi e per numero di contagi. Dai dati pubblicati oggi si nota una continua e costante crescita soprattutto nella provincia di Milano.

Nel frattempo continuano le indagini in merito a quello che è successo nelle RSA della regione. “Commissariare il Pio Albergo Trivulzio” lo chiedono i parenti delle vittime ma anche degli ospiti che sono ancora nelle strutture. Secondo quest’ultimi, dato che la situazione nella struttura “è ancora grave e perdura”, si legge nella denuncia presentata dal portavoce del “Comitato Giustizia e Verità per le vittime del Trivulzio”, la struttura deve essere sequestrata al fine di nominare un commissario per gestirla. Finora alla Baggina sono 143 i morti. Sulla residenza per anziani sono in corso le indagini della magistratura ed è al lavoro una Commissione di ispettori inviata dal Ministero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.