La Ministra Azzolina spiega come sarà la scuola da settembre: ipotesi didattica mista


Intervenuta in diretta per SkyTg24 la ministra Lucia Azzolina ha provato a fare il punto della situazione in merito a quello che sarò il futuro di bambini e giovanissimi adolescenti. Ormai da mesi gli studenti non vanno in classe, e non torneranno sui loro banchi di scuola nelle prossime settimane. La campanella suonerà a settembre e il mondo della scuola sarà completamente diverso per grandi e piccini. Nuove regole, nuove impostazioni: tutto per una scuola sicura, tutto per non permettere che l’emergenza torni a essere quella dei mesi scorsi. E’ un nuovo inizio, sarà una nuova scuola. “Abbiamo un piano per settembre, a settembre si deve tornare a scuola, i nostri studenti hanno il diritto di tornare”. A dirlo è la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che ospite a “L’Intervista” di Maria Latella su Sky Tg24. In questi giorni studenti di tutta Italia, dalle scuole elementari alle scuole superiori hanno provato a chiedere, con delle lettere, di poter tornare almeno per un saluto, per un ultimo giorno in classe. Purtroppo non sarà concesso, ed è giusto che sia così.

NO A CLASSI NUMEROSE, SI A DIVISIONI DI CLASSI

 Come sarò quindi la scuola a settembre? L’ipotesi è quella di dividere le classi. “Una metà degli studenti per metà settimana andrebbe a scuola, poi l’altra metà. E comunque si terrebbero sempre gli studenti che sono a distanza collegati, così la socialità resta“. La ministra porterà avanti la sua battaglia contro le classi pollaio: mai più classi di 28 o 30 alunni. Una cosa che a suo dire non dovrebbe valere solo per le classi che torneranno a scuola nel settembre 2020 ma in generale.

La Ministra, che è felice dell’esperimento didattica a distanza, a suo avviso sicuramente riuscito, non transige però sul fatto che a settembre si debba tornare a scuola:  “I bambini devono tornare a scuola, è un segmento delicato nella vita di uno studente. Se con le mascherine o meno ora non me la sento di dare una risposta, stiamo lavorando anche con il comitato tecnico-scientifico per capire come fare. Ma a settembre devono tornare a scuola”.

AIUTI PER LE FAMIGLIE PER LA FASE 2

Buone notizie anche per le tante famiglie che dal 4 maggio 2020 torneranno a lavorare e hanno quindi bisogno di capire come gestire i bambini in casa. La ministra ha spiegato: “Abbiamo messo a disposizione, come ministero dell’Istruzione, scuole, palestre e cortili per dare una risposta alle famiglie, stiamo lavorando con la ministra Bonetti e altri ministri. A breve sottoporremo il piano al Comitato Tecnico Scientifico”.

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close