Milzano, uccide sua moglie mentre in casa ci sono i tre figli

Quando il sindaco di Milzano( provincia di Brescia) ieri sera è uscito di casa per passeggiare nei pressi della sua abitazione di certo non si sarebbe aspettato di dover intervenire e diventare il testimone di una storia drammatica. In una abitazione vicino alla sua villetta si stava consumando un omicidio. Un uomo stava infatti uccidendo sua moglie in casa, davanti ai tre bambini che sono stati, loro malgrado, testimoni di quanto stava accadendo.

Ha preso un coltello in mano e le ha tagliato la gola: questa la prima ricostruzione fatta da chi indaga. Forse al termine di una lite dicono. Poi è uscito dalla porta della villetta a schiera dove si è consumato il delitto e ha atteso l’arrivo dei Carabinieri che lo hanno ammanettato e portato in caserma.

OMICIDIO MILZANO: UCCIDE SUA MOGLIE DAVANTI AI TRE FIGLI

Luca Lupi, 41enne commerciante di casa a Milzano, è stato arrestato nella serata di venerdì e nelle prossime ore sarà ascoltato dal magistrato. L’omicidio si è consumato poco dopo la cena, davanti ai tre figli della coppia: il più piccolo ha 3 anni, la più grande 15.

A dare l’allarme, come raccontavamo in precedenza, attorno alle 21.30 è stato lo stesso sindaco di Milzano. Massimo Giustiziero, che abita poco distante dalla villetta di via Usignolo teatro dell’omicidio, stava rincasando quanto ha sentito dell’urla.

Preoccupato per quello che sentiva, ha lasciato la sua bici e ha cercato di capire cosa stesse accadendo, mettendosi poi in contatto con le forze dell’ordine.

Entrando dal cancello, il primo cittadino avrebbe incontrato il 41enne, che avrebbe subito ammesso di aver ammazzato la moglie di due anni più giovane e originaria della Romania. Poi si è imbattuto nella figlia più grande della coppia: con gli abiti sporchi di sangue, in stato di shock, chiedeva aiuto. I piccoli probabilmente in casa, in attesa dei soccorsi, hanno cercato di fare qualcosa per la loro mamma. Non c’è stato nulla da fare. La donna è deceduta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.