Il Premier Conte positivo: “In estate si andrà in vacanza, non staremo sul balcone”


A quanto pare si vede la luce in fondo al tunnel e a ridare la speranza in quello che succederà e fiducia per il futuro ci pensa Giuseppe Conte che nella sua intervista per Il Corriere della Sera, incoraggia gli italiani in vista dei prossimi mesi. “Quest’estate non staremo al balcone e la bellezza dell’Italia non rimarrà in quarantena” ha spiegato il Premier.

Nelle prossime settimane arriveranno i dati raccolti nei primi quindici giorni dopo la fine del lockdown totale e si potrà capire come muoversi. Ma il Premier invita tutti a essere positivi, anche se chiaramente, le nostre vacanze per ovvi motivi, non potranno essere come quelle del passato, almeno per l’estate 2020.

IL PREMIER CONTE POSITIVO: QUEST’ESTATE SI ANDRA’ IN VACANZA

Il Premier, nella sua intervista per Il Corriere della sera ha spiegato: “potremo andare al mare, in montagna, godere delle nostre città. E sarebbe bello che gli italiani trascorressero le ferie in Italia, anche se lo faremo in modo diverso, con regole e cautele”. Ma quando, dove e come? Per il momento non è ancora arrivato il momento di dare una data. Il Premier ha spiegato: “Attendiamo l’evoluzione del quadro epidemiologico per fornire indicazioni precise su date e programmazione“.

Bisognerà capire se ci si potrà muovere da una regione all’altra ad esempio, se la mobilità al Nord sarà la stessa che al Sud. E poi ovviamente tutte le altre regole che si dovranno rispettare: gli alberghi saranno pronti a riaprire secondo determinate restrizioni? E i ristoranti? Manca ancora la sostanza: il come. Senza dimenticare che milioni di italiani hanno perso il lavoro, milioni sono in attesa di sapere cosa succederà e molti altri ad agosto, non avranno le ferie, dovendo recuperare i due mesi di fermo.

Insomma forse faremo delle vacanze, non staremo in casa ma immaginare questo scenario al momento è molto complicato.

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close