Mobilità tra regioni cadono i divieti: dal 3 giugno spostamenti concessi

Cadono i divieti. Dopo tre mesi in Italia si potrà tornare a muoversi. Si potrà viaggiare tra regioni, cadono i divieti per quello che riguarda la mobilità. Dopo quasi tre mesi, il lockdown in tutta Italia era iniziato tra l’8 e il 9 marzo 2020, si torna a quella che sembrerà una nuova normalità, una ritrovata normalità, anche se nulla, potrà essere come prima. Non potremo dimenticare le oltre 33 mila vittime, non potremo dimenticare tutto quello che è stato. Ma andremo avanti, potremo riabbracciare i nostri cari dopo mesi. La decisione in merito alla mobilità tra regioni è arrivata al termine della riunione di governo a Palazzo Chigi ; è stata confermata la data del 3 giugno anche per l’apertura dei confini nazionali ai paesi europei. Per i paesi extra Ue resta per il momento confermata quella del 15 giugno. Le parole del ministro Speranza: “Al momento non c’è in Italia alcuna situazione critica relativa all’epidemia di Covid-19“. I dati dell’Istituto superiore di sanità spingono verso la riapertura completa del paese: il 3 giugno cadranno i divieti di spostamento e sarà possibile tornare a muoversi liberamente in tutta Italia.

MOBILITA’ TRA REGIONI: DAL 3 GIUGNO SI TORNA A MUOVERSI

Il decreto legge vigente prevede dal 3 giugno la ripresa degli spostamenti infraregionali e al momento non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti” sottolinea il ministro Speranza, ribadendo però che da qui a martedì continuerà ad essere monitorato l’andamento della curva. Il ministro ha inoltre spiegato che si userà molta prudenza e si terranno d’occhio gli eventuali nuovi focolai che dovranno essere immediatamente isolati.

Si ricorda sempre che in questa fase è ancora obbligatorio il distanziamento social. Il virus non è andato via, è ancora tra noi ed è per questo che dobbiamo continuare a comportarci nel modo giusto per evitare che ci possano essere delle situazioni complicate da gestire e un possibile aumento di contagi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.