Marco Vannini ultime notizie, i genitori sperano nella verità di Viola: questa volta racconterà cosa è successo in quella casa

Mamma Marina ha il volto segnato dopo una giornata passata in aula ma ha una speranza: la ripone in Viola Giorgini, all’epoca dei fatti, fidanzata di Federico Ciontoli. Era in quella casa la sera in cui Marco è stato ucciso, dopo esser stato colpito con un colpo di arma da fuoco. “Io sono felice dell’istanza accettata” ha detto la mamma di Marco che crede che Viola, questa volta, sentita come testimone, troverà il coraggio di raccontare che cosa è successo davvero a suo figlio. E’ iniziato ieri il processo d’appello Bis per la morte di Marco Vannini: si cerca di comprendere cosa sia successo quel maledetto giorno. Chi ha sparato e perchè? E perchè i soccorsi sono stati richiesti in un secondo momento? Marco si poteva salvare? Nel mirino dei giudici la famiglia Ciontoli. Ieri è stato ascoltato Federico Ciontoli che in aula si è detto impaurito e sconvolto da quello che è successo, per via del fatto che il processo è diventata una sorta di gogna mediatica per la sua famiglia. “Ho paura di camminare per strada, ho paura che mi possano sparare” ha detto Federico. Parole che non sono piaciute alla mamma di Marco Vannini che ha ricordato che al momento, la sola persona morta a causa di uno sparo, è suo figlio.

PROCESSO PER L’OMICIDIO DI MARCO VANNINI: VIOLA DIRA’ LA VERITA’?

La speranza quindi della famiglia Vannini è che Viola, questa volta sotto giuramento, dica finalmente quello che è successo in quella casa. “Dovrà giurare di dire la verità” ricorda l’avvocato Gnazi nella trasmissione di Rai 3.

La tesi della famiglia Ciontoli resta la stessa: Antonio avrebbe sparato a Marco per uno scherzo mentre stava facendo la doccia nella vasca da bagno. Una ricostruzione che i genitori di Marco hanno sempre respinto. Si aspettano di sapere cosa è successo in quella casa e credono che stavolta la giustizia gli darà la verità, devono lottare per ottenerla, in memoria del loro adorato figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.