I genitori di Mauro Romano lo credono vivo e adesso vogliono incontrarlo: sarebbe un imprenditore di Dubai

Già questa estate vi avevamo parlato delle importanti rivelazioni arrivate da Racale, dalla famiglia di Mauro Romano sempre più convinta che il loro adorato figlio sia vivo. Non è una novità, ma se ne parla per la prima volta sui media da qualche settimana. E’ infatti il 2008 quando Bianca, la mamma di Mauro, vede su una rivista una foto che la lascia esterrefatta. E’ la foto di un imprenditore finito sui giornali per una relazione con una nota attrice italiana. Bianca negli occhi di quell’uomo rivede quelli di Mauro e lo fa sapere anche a chi sta indagando. Qualcuno le dice che è solo una foto, che non c’è modo di contattare una famiglia partendo dal presupposto che abbiano comprato un bambino, commettendo quindi un reato. Ma, come mostra l’avvocato La Scala nella puntata di Chi l’ha visto in onda il 9 settembre 2020, l’ambasciata italiana a Dubai viene messa in allerta. Anche da lì però arrivano risposte poco rassicuranti: quella è una famiglia importante, ed è meglio evitare di andare oltre. I genitori di Mauro riescono però a mettersi in contatto con questa famiglia. Ricevono anche una risposta: viene detto loro che il ragazzo è figlio legittimo ma che visti i dubbi che hanno, sono favorevoli comunque a un incontro per tutte le spiegazioni del caso. Questo incontro però, non avverrà mai.

PER I GENITORI DI MAURO ROMANO IL LORO ADORATO FIGLIO E’ ANCORA VIVO

Una delle giornaliste di Chi l’ha visto che segue il caso, si mette in contatto con il fratello di questo imprenditore, chiedendo di poter fare delle domande su questa storia. L’uomo la fa parlare ma quando sente poi la domanda su Mauro Romano, risponde con delle frasi molto chiare: “Sono tutte [email protected]”.

Per la famiglia di Mauro Romano però quella somiglianza è troppo evidente. E non solo perchè il cuore di una madre pensa che sia così ma perchè questa persona avrebbe una cicatrice sull’occhio molto riconoscibile, nello stesso identico punto in cui l’aveva anche Mauro, che era caduto. Ed è per questo che la famiglia andrà avanti, come ricorda l’avvocato. Fino a questo momento non è stata resa nota l’identità di questa persona ma presto le cose potrebbero cambiare, spiega La Scala.

Oggi i genitori di Mauro vogliono risposte e magari anche un test del dna: se l’uomo in questione non è Mauro, non dovrebbe avere nessun problema nel farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.