Crisi di governo, Conte si dimette? Le ultime indiscrezioni e le ipotesi sul tavolo

conte si dimette

Giuseppe Conte potrebbe dimettersi dopo la crisi di Governo aperta da Matteo Renzi? L’incertezza regna sovrana ma le ultime indiscrezioni parlano di possibile marcia indietro da parte del premier che, su consiglio anche dei suoi, potrebbe riaprire al leader di Italia Viva nell’ottica di continuare a governare. Prima, però, dovrebbe salire al Colle prima del voto di giovedì sulla riforma della giustizia, quindi riaprire al dialogo con Matteo Renzi nel tentativo di evitare il voto. Insomma sono ore di grande fermento per il premier che qualche giorno fa aveva parlato alla stampa di quanto fosse difficile governare un paese in piena pandemia in queste condizioni.

Crisi di Governo, Conte si dimette? Le ultime indiscrezioni

Insomma cosa potrebbe accadere nei prossimi giorni? Quale scenario politico attende l’Italia e gli italiani, già fortemente in crisi e in ginocchio a causa della pandemia da Coronavirus? In tanti, dal Pd al M5S, vorrebbero che il premier riaprisse un dialogo con Matteo Renzi, colui che di fatto ha dato il via alla crisi di Governo. Con i suoi che si sono astenuti dal voto al Senato, Giuseppe Conte proprio in Senato non ha raggiunto la maggioranza assoluta di coloro che hanno votato per la sua fiducia. Motivo per cui tutto ha cominciato a traballare, nonostante la maggioranza ottenuta alla Camera. Adesso però per continuare a governare e evitare così di tornare al voto, Giuseppe Conte potrebbe essere pronto a rivalutare l’idea di aprire al leader di Italia Viva dopo gli scontri sul Recovery Fund, voluto dal premier e non da Matteo Renzi. Lo stesso Gigi Di Maio, ospite ieri della trasmissione Mezz’ora in Più, ha dichiarato: “48 ore per rafforzare la maggioranza o si va il voto“, lasciando intendere di essere favorevole a contrattare con Matteo Renzi. Salendo al Quirinale, e dopo aver presentato le dimissioni, Giuseppe Conte potrebbe insomma sperare in un Conte ter con una maggioranza più ampia rispetto a quella ottenuta alle ultime votazioni tra Camera e Senato. Potrebbe essere la strada più facile da percorrere, questa, per ottenere nuovi consensi.

Oltre al Pd, al M5S, e a un rientro di Italia Viva, il premier potrebbe contare inoltre anche sui voti di Forza Italia visto il rientro in campo di Silvio Berlusconi. Saranno ore decisive per il futuro del Governo. Non ci resta che aspettare per capire come andrà a finire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.