Dal 21 febbraio 2021 regioni cambiano colore: 3 regioni passano in arancione, niente bianca

Arrivano le decisioni ufficiali per i cambi di colore delle regioni dal 21 febbraio 2021. Alcune decisioni erano state già annunciate, altre sono cambiate all’ultimo momento. Si pensava che a passare in arancione sarebbe stato un numero maggiore di regioni ma invece da domenica, solo 3 regioni passeranno in zona arancione, dalla zona gialla. Per il momento nessuna zona bianca: a quanto pare i dati della Val d’Aosta, contro le previsioni, non sono tali da pensare che si possa essere in una zona senza quasi nessuna restrizione. C’è invece preoccupazione per la diffusione della variante inglese, i numeri non sono quelli che ci si poteva aspettare qualche tempo fa. Il quadro infatti, da quando questa variante ha iniziato a diffondersi, è completamente cambiato. Non a caso si moltiplicano le micro zone rosse in diverse regioni d’Italia.

La variante inglese in molte grandi Regioni rappresenta oltre un terzo dei nuovi contagi. In Toscana è al 35, in Puglia e in Emilia al 38%. Ci sono poi realtà, come Marche, Umbria e Molise, dove ha superato il 50%. Il tutto grazie a una contagiosità, stimata proprio in questi giorni nel nostro Paese, di circa il 38% superiore al coronavirus che ha circolato fino ad ora. E l’Istituto superiore di sanità rinnova l’invito a innalzare le misure, a limitare spostamenti e contatti, invita gli italiani a restare a casa riducendo al minimo le interazioni con persone diverse dai familiari. Che ci sia preoccupazione lo si capisce anche dalle parole di alcuni presidenti di regione che vorrebbero che si cambiassero le regole dei colori, a questo punto, forse inefficaci.

Le regioni in zona arancione da domenica 21 febbraio 2021

Da domenica quindi passano in zona arancione il Molise ( che ha già oltre 20 comuni in zona rossa) ma anche l’Emilia Romagna e la Campania. Resta arancione l’Umbria che ha rischiato di passare in rossa. Stessa sorte per l’Abruzzo che al momento resta in arancione. In zona arancione confermate anche Toscana, Liguria e provincia autonoma di Trento. Contrariamente a quanto si era detto poche ore fa, restano in gialla sia il Lazio che la Lombardia.

Niente da fare almeno per ora per la Val d’Aosta che sembrava potesse avere dati da zona bianca. In ogni caso i numeri restano positivi per la regione come anche per la Sardegna. Non c’è un peggioramento dei dati raccolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.