La storia di Lucia Raso caduta dalla finestra del suo ragazzo: era stata drogata?

La storia di Lucia Raso è arrivata in tv per volontà della sua famiglia. I genitori di Lucia non vogliono credere che la vita della loro amata figlia sia finita nel modo in cui è stato loro raccontato ed è per questo che hanno chiesto l’aiuto della trasmissione Chi l’ha visto. La vicenda quindi è stata raccontata anche in tv e da alcune settimane, viene approfondita poi anche in rete e sui giornali, che hanno iniziato a seguire questo misterioso caso. Purtroppo Lucia non potrà tornare in vita, dopo la caduta dalla finestra della casa del suo fidanzato, dove si trovava in vacanza per alcuni giorni. Ma i suoi genitori potrebbero avere la verità, per capire che cosa sia davvero successo quel giorno drammatico.

Lucia era in Germania per trovare il suo fidanzato. Viveva una storia alla quale teneva tanto, nonostante i genitori non avessero mai visto di buon occhio il fidanzato della ragazza. Non riuscivano a fidarsi totalmente di lui e per Lucia, non hanno problemi ad ammetterlo, avrebbero voluto altro. Ma erano comunque felici del fatto che lei fosse innamorata e stesse bene. E’ stata proprio la mamma di Lucia ad accompagnarla alla stazione di Verona. Non avrebbe mai immaginato che quella sarebbe stata l’ultima volta in cui avrebbe visto sua figlia.

A raccontare quello che sarebbe successo nella casa di Christian Treo la notte della morte di Lucia, è stato chiaramente il giovane, che era da solo nella stanza in cui la sua fidanzata si trovava. Ma i coinquilini di Treo, hanno aggiunto anche altro. Una storia che non sembra essere “lineare” come l’aveva raccontata Christian.

La versione del fidanzato di Lucia: si è gettata dalla finestra da sola

I genitori di Lucia non riescono a comprendere come la ragazza possa esser salita sulla finestra, sul davanzale a carponi per poi gettarsi nel vuoto. Perchè avrebbe dovuto farlo? Qualche minuto prima in una nota vocale aveva raccontato a suo padre di essere molto felice anche per aver fatto la conoscenza degli amici di Treo, i suoi coinquilini molto simpatici. Quelle le ultime parole di Lucia che poi, a detta di Christian, si sarebbe gettata nel vuoto.

Ma le stranezze in questa storia non sono finite. Treo non avvisa subito la famiglia di Lucia, si mette prima in contatto con suo padre che parte immediatamente per raggiungerlo in Germania. Non avvisa nessuno. I genitori di Lucia lo scoprono perchè le forze dell’ordine il giorno dopo, si presentano a casa loro.

I fatti del 23 novembre: che cosa è accaduto davvero in casa?

Francesco e Alessandro, che vivevano insieme a Christian nell’appartamento di Monaco di Baviera dove era arrivata Lucia, sono stati ascoltati anche dai giornalisti di Chi l’ha visto e la loro versione non corrisponde a quella di Treo.  «Se sei uomo — si sono rivolti al fidanzato della vittima dai microfoni di Chi l’ha visto devi dire la verità, Christian, racconta cos’è realmente accaduto quella sera».

Si scontrano le verità di Christian e quelle dei due ragazzi. Infatti Treo racconta che Lucia aveva paura che qualcuno le avesse messo della droga nel bicchiere. Francesco e Alessandro dicono invece che lui e Lucia avevano litigato, probabilmente per gelosia e che lui l’aveva portata in camera tirandola da un braccio, dopo che già era iniziata una forte discussione.

I genitori di Lucia non credono al tragico incidente e si battono per avere la verità. A Monaco, la polizia tedesca propende per la pista della «fatalità», mentre in Italia è aperto un fascicolo contro ignoti presso la Procura di Roma a cui spetta la competenza di indagare trattandosi di una cittadina italiana morta all’estero. L’ipotesi è omicidio, «ma al momento non ci sono indagati» precisa l’avvocato di Christian, il legale Massimo Dal Ben.

In questo ultimo mese Christian non si è mai sottratto alle domande dei giornalisti di Chi l’ha visto che stanno seguendo il caso e ha sempre risposto su tutto. Ma i genitori di Lucia continuano a credere che non sta dicendo la verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.