La piccola Gioia è morta a 2 anni nell’incidendio della sua casa a Palma di Montechiaro

sicilia incendio

Una vera e propria tragedia sconvolge la Sicilia. La notizia è arrivata nella tarda serata di ieri e ha lasciato tutti sgomenti. Si cerca adesso di capire che cosa è realmente accaduto e quale sia stata la dinamica degli eventi. Ma tutta Palma di Montechiaro intanto, dice addio alla piccola Ginevra Gioia che purtroppo era in casa nel momento in cui si è sviluppato un incendio. Per lei non c’è stato nulla da fare. La piccola è morta nell’incendio in un’abitazione di via San Giuseppe, nel pieno centro storico della città del Gattopardo e a due passi dal Monastero delle Benedettine.

Il rogo si è sviluppato in una palazzina a due piani che si affaccia su una antica scalinata. Quando è divampato l’incendio la piccola Ginevra dormiva all’ultimo piano nel letto matrimoniale; la madre e la zia della bimba, che si trovavano al piano terra, hanno cercato immediatamente di raggiungerla per metterla in salvo ma sono state fermate dalle fiamme che ormai erano già altissime. Questa sarebbe una prima ricostruzione dei fatti.

Un altro dramma in provincia di Agrigento, dopo la strage di Ravanusa.  I funerali della piccola Ginevra Gioia Manganello si svolgeranno a spese del Comune. Lo ha annunciato il sindaco Stefano Castellino.

Incendio a Palma di Montechiaro: muore la piccola Gioia

Ancora da ricostruire da parte dei vigili del fuoco, della polizia e della Procura di Agrigento che ha aperto un’inchiesta le cause del rogo. Sembra, dal racconto dei familiari della piccola comprensibilmente sotto choc, che l’incendio si sia sviluppato a causa di un corto circuito.  Inutile anche l’intervento dei vigili del fuoco, quando sono riusciti a superare il muro di fiamme e la densa cappa di fumo nero per la piccola ormai non c’era più nulla da fare. Davanti all’abitazione, dove sono intervenuti anche i carabinieri, scene strazianti con familiari e conoscenti che hanno cercato inutilmente di sostenere la mamma della bimba. Impossibile provare anche solo a consolare una madre che ha perso una bambina di due anni in modo così drammatico, senza riuscire a fare niente per proteggerla e salvarle la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.