Le storie delle vittime della frana di Ischia: 3 bambini, un neonato, famiglie distrutte

E' drammatico il bilancio dopo la frana di Ischia: sette i cadaveri recuperati, si cercano ancora 5 dispersi
frana ischia morti

Si scava ancora tra fango e detriti a Casamicciola. Con il cuore pieno di dolore, per quello che è successo, con la consapevolezza che si cercano quasi certamente dei cadaveri, purtroppo. Sono le storie di tutte le vittime che sono morte dopo la frana di Casamicciola, le storie che fanno il giro del mondo. Sette al momento i cadaveri recuperati. Sette storie di persone che sono state travolte da una frana che ha cancellato tutto, spezzando le loro vite. La prima vittima è una ragazza giovanissima. Si chiama Eleonora Sirabella, 31 anni, e abitava assieme al marito, ancora disperso, in una delle palazzine maggiormente colpite dalla frana. La 31enne aveva provato a chiedere aiuto al padre che tuttavia non era riuscito a raggiungerla, bloccato dal fiume di detriti. Si cerca ancora suo marito, Salvatore Impagliazzo. Dell’uomo ancora nessuna traccia. E’ stato il parroco di Casamicciola ad aiutare chi sta effettuando i riconoscimenti dei cadaveri ritrovati. Sono utili anche gli oggetti, perchè purtroppo, le condizioni dei cadaveri, non sempre permettono il riconoscimento.

Frana a Casamicciola: le storie delle vittime

Gianluca Monti giovane tassista sposato con Valentina Castagna, casalinga che accudiva i tre figli Michele, Francesco e Maria Teresa, di 6  anni. Vivevano in una casa investita solo per metà dal fiume mortale di fango. Il padre e alcuni parenti  sabato mattina erano riusciti a raggiungerla tra mille difficoltà e pericoli arrivando anche prima dei soccorritori: hanno provato a cercarli, a chiamarli anche col cellulare che sentivano squillare dal tetto della abitazione ma nessuno ha risposto alle loro chiamate. Il cavallo col quale Gianluca percorreva i sentieri dell’Epomeo in cerca di legna da ardere o di funghi è stato ritrovato morto a valle. Una intera famiglia distrutta, un dolore troppo grande per tutti. Maria Teresa e Francesco erano a letto, indossavano il loro pigiamino quando sono stati ritrovati dai soccorritori.

Ed è drammatica anche la storia di un’altra coppia che purtroppo non ce l’ha fatta.

Maurizio Scotto di Minico, 32 anni, era stato un cameriere molto apprezzato che dopo il Covid aveva cambiato lavoro e faceva il pizzaiolo mentre la moglie, Giovanna Mazzella, 30nne, aveva un piccolo negozio. Erano una giovane e bella famiglia. Un sogno d’amore che era stato coronato con l’arrivo del primo figlio, pare che il piccolo, GiovanGiuseppe fosse nato il 4 novembre. Non ce l’hanno fatta, tutti e tre sono stati uccisi dalla frana. Anche la casa dei di Minico è stata sepolta dalla frana. I corpi di tutti e tre i componenti della famiglia Di Minico sono stati trovati e portati nella sala mortuaria dell’ospedale Rizzoli.

Sette quindi i cadaveri recuperati; c’è anche quello di Nikolinka Gancheva Blangovadi nazionalità bulgara, 58enne. E si scava ancora tra detriti, fango, terra per cercare le cinque persone che risultano essere ancora disperse. E’ un bilancio drammatico che alla fine potrebbe parlare di 12 persone morte a causa della frana di Ischia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.