San Severino delle Marche, uccide la madre con una forbice poi tenta di dare fuoco alla casa

Ha ucciso sua madre usando la forbice e poi ha cercato di dare fuoco alla casa ma i Carabinieri sono arrivati prima grazie a una segnalazione: le ultime
omicidio marche

E’ una storia difficile da raccontare quella che arriva dalle Marche. E’ la storia di un uomo che ha ucciso sua madre, la storia di una persona che forse avrebbe dovuto avere aiuto, prima di arrivare a commettere questo atroce omicidio. Michele non stava bene, lo raccontano anche i vicini di casa che sono sotto shock. Non avrebbero mai pensato a un omicidio. Michele ha ucciso sua madre, Maria Bianchi 84 anni, usando una forbice. I fatti a San Severino delle Marche, in provincia di Macerata. L’uomo, un 55enne, aveva da tempo problemi psichici.

Omicidio nelle Marche: donna uccisa con una forbice

Il dramma è avvenuto nell’appartamento dove i due abitavano insieme e che si trova in via Raffaello, vicino alla caserma dei carabinieri. La vittima, Maria Bianchi, e il figlio, Michele Quadraroli, gestivano insieme un bar ed erano molto conosciuti in città. L’uomo è stato arrestato dai militari.

E’ ancora tutta da ricostruire la dinamica dei fatti accaduti. Secondo le prime indiscrezioni che trapelano in merito a questo atroce omicidio,  l’aggressione sarebbe cominciata nella camera da letto della donna e finita in bagno. Michele Quadraroli avrebbe ucciso sua madre usando una forbice.

A dare l’allarme è stato il medico dell’uomo, che lo ha sentito telefonicamente e ha avvertito i carabinieri, che lo hanno accompagnato in caserma per interrogarlo, anche alla presenza di un avvocato di fiducia: nella notte è stato arrestato. Si ipotizza che Quadraroli, che aveva avuto dei sintomi influenzali, tanto da chiudere il bar per qualche giorno, non avesse preso i soliti farmaci. Da qui l’escalation che avrebbe portato l’uomo a uccidere la madre, 84enne. Dopo aver ucciso la donna, il 55enne, avrebbe cercato di dare fuoco alla casa, senza riuscirci. Indagano i Carabinieri della compagnia di Tolentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.