Libia: Cirenaica libera ma i morti potrebbero essere 10.000

Oggi Bengasi festeggia il suo primo giorno da città libera. Da ieri sono cominciati i festeggiamenti che, verosimilmente, proseguiranno per parecchi giorni. Per le strade della città sono scesi uomini, donne e ragazzini (l’eta media dei rivoltosi libici è di 15 anni). Per la prima volta liberi, anche di festeggiare. Bengasi, principale città della Cirenaica, è in mano ai rivoltosi, che dopo aver preso Tobruk, Derna, Al Baida, e Gialo, si sono definitivamente impossessati della regione. Ma mentre  la parte orientale della Libia festeggia e nella parte occidentale del paese sempre più città insorgono (Misurata, Sabratha Zawiya), nella roccaforte del colonnello Gheddafi a Tripoli si sta ancora combattendo. Le ultime milizie ancora fedeli al Rais, insieme ai mercenari arrivati principalmente dall’Africa sub sahariana e dal maghreb, continuano a provocare morti e feriti, ad intimidire la popolazione. Si continua a parlare di elicotteri che mitragliano civili e delle sevizie dei mercenari, che torturano e uccidono in un raggio di 40km dalla capitale.

Ieri la notizia dei due aviatori atterrati a Malta,  rifiutatisi di bombardare i civili, ha fatto il giro del mondo; sempre ieri il rappresentante libico all’Onu ha accusato il regime di genocidio; oggi ci pensa un’altra notizia, data dall’emittente televisiva araba Al Arabiya, a far preoccupare le autorità internazionali: le vittime della rivolta sarebbero oltre diecimila, più di cinquantamila i feriti. Alcuni video amatoriali dimostrerebbero che si stanno scavando fosse nel cimitero di Ashaat per coprire gli innumerevoli corpi. L’incubo delle fosse comuni e dello sterminio di massa torna di nuovo in primo piano, questa volta ancora più vicino al cuore dell’Europa.

Flavio di Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.