Swissleak, Lista Falciani: chi sono gli italiani che hanno evaso portando soldi in Svizzera

Si arricchisce la Lista Falciani che individua gli evasori: tra coloro che hanno trasferito soldi in Svizzera per sfuggire al Fisco ci sono moltissimi italiani, alcuni anche molto noti
SwissLeaks

Il caso Swissleak è scoppiato e adesso gli inquirenti sono a lavoro per scovare gli evasori, coloro cioè che hanno depositato soldi nella banca svizzera Hsbc al fine di non pagare le tasse. Di nomi illustri se ne sono fatti tanti in questi primi giorni ma tra i tanti magnati inglesi, francesi e arabi spuntano anche gli italiani. Chi sono i Vip di casa nostra ad essersi rivolti alla banca svizzera implicata in questa vicenda per evadere il Fisco e entrati dritti dritti nella Lista Falciani, che tiene il filo conduttore di questa inchiesta?

Ornella Vanoni e Stefania Sandrelli, per esempio, che avrebbero visto bene di conservare i loro risparmi all’estero e risparmiare un bel po’ di tasse. Ma tra gli oltre 7mila italiani implicati (7.499 per la precisione) ci sono anche tanti altri nomi conosciuti. Gli stilisti Valentino e Roberto Cavalli avrebbero seguito le orme di Vanoni e Sandrelli, depositando i loro soldi alla Hsbc.

 CONTI IN SVIZZERA PER EVADERE, LA LISTA DEGLI INSOSPETTABILI: SCOPPIA SWISSLEAKS

E ancora, implicati nello scandalo Swissleak ci sarebbero anche Flavio Briatore, Valentino Rossi e Valentino Garavani (i loro nomi erano già stati fatti tempo addietro), il presidente di Telecom Italia Giuseppe Recchi e l’amministratore delegato di Benetton, Eugenio Marco Airoldi, così come dichiara L’Espresso che si sta occupando del caso. Ma l’elenco degli evasori insospettabili si estende anche a personaggi meno popolari ma comunque molto potenti: l’ex rettore della Bocconi Luigi Guatri, Luigi Maria Clementi del gruppo I grandi viaggi e l’ex direttore dell’autodromo di Monza Enrico Ferrari.

TIZIANO FERRO, ALTRO VIP CONDANNATO PER EVASIONE FISCALE: DEVE 3 MILIONI DI EURO AL FISCO

E ancora, il colonnello dei Ros Giuseppe De Donno che però allo stesso Espresso dichiara di non essere implicato nella vicenda e di avere depositato sul conto in Svizzera soltanto una piccola cifra i 5mila euro come investimento voluto da suo padre. Insomma l’elenco degli evasori italiani è davvero nutrito e chissà che nei prossimi giorni non si arricchisca di qualche altro nome noto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.