Orrore in Colorado: sventra una donna incinta per rubarle il bambino

Colorado

Orrore in Colorado dove una donna di 34 anni accoltella una 26enne incinta per rubarle il feto: adesso Dynel Catrece Lane è stata arrestata ma per il bambino che la vittima portava in grembo non c’è stato niente da fare.

La vicenda ha dell’incredibile e ancora una volta, purtroppo, ci fa riflettere sul fatto che la mente umana possa arrivare a livelli impensabili. Dynel Catrece Lane, 34 anni e evidenti disagi psichici in corso, ha attirato la vittima dentro casa sua adescandola con annunci falsi messi on line: vendeva abbigliamento per neonati a poco prezzo. Una occasione da non perdere, deve avere pensato la donna incinta che si è dunque presentata all’appuntamento convinta di poter comprare abiti per il suo bebè a prezzi vantaggiosi. Una volta raggiunta Dynel Catrece Lane nella sua abitazione, però, si è consumata la tragedia. La donna ha aggredito la futura mamma accoltellandola e strappandole il feto. Poi si è diretta in ospedale convinta di poter dire ai dottori di avere abortito a casa, spontaneamente. La situazione è stata chiara fin da subito: il bambino non ce l’ha fatta e la vittima, che nonostante una violenta emorragia in corso è riuscita a utilizzare il telefono, ha dato l’allarme.

 MADRE DEPRESSA E ALCOLIZZATA METTE A LETTO I BAMBINI E DÀ FUOCO ALLA CASA: SENTIVA LE VOCI

Dynel Catrece Lane è stata prontamente arrestata con l’accusa di tentato omicidio, lesioni aggravate e infanticidio. La Polizia sta indagando per capire se la donna avesse già avvicinato altre donne in dolce attesa nel tentativo di rubare loro il feto. La vittima, invece, è stata operata di urgenza e per lei si prospetta adesso un lungo periodo di convalescenza per riprendersi non solo fisicamente ma anche e soprattutto psicologicamente. Uno staff specializzato la sta seguendo passo passo ma niente potrà farle dimenticare quanto è accaduto…

One response to “Orrore in Colorado: sventra una donna incinta per rubarle il bambino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.