Londra, italiano di 22 anni trovato morto: si indaga sulle cause

Andrea Boccanegra è stato trovato morto nel suo alloggio di Londra ed è subito giallo: il 22enne veneziano, che dallo scorso agosto si era trasferito in Inghilterra alla ricerca di fortuna, potrebbe essersi suicidato? L’amara scoperta è stata fatta da alcuni amici che condividevano con lui l’alloggio. E sul posto sono state ritrovate anche alcune lettere che il cameriere aveva scritto alla famiglia, alla fidanzata e al suo migliore amico nelle quali raccontava di non stare bene e di essere afflitto da malessere interiore.

Per questo motivo la Polizia inglese sta seguendo la pista del suicidio. Anche perché nell’appartamento dove è stato fatto il ritrovamento del cadavere del giovane Andrea non ci sono segni di effrazione. Difficile insomma pensare che il ragazzo sia stato ucciso da qualche malintenzionato che si era introdotto nella sua abitazione. Piuttosto, le lettere lasciate dal ragazzo sarebbero la prova lampante di un suicidio messo in atto e architettato alla perfezione. Andrea Boccanegra si era trasferito a Londra a metà agosto, alla ricerca di un lavoro e di nuovi stimoli. Uno dei tanti italiani che cercano fortuna al di fuori dell’Italia magari per imparare una nuova lingua e fare una esperienza diversa. E l’esperienza inglese di questo giovane ragazzo era per la verità iniziata nel migliore dei modi: aveva subito trovato lavoro nel prestigioso ristorante Skylon, noto locale sul Tamigi, vicino alla ruota panoramica, a due passi da Big Ben.

LEGGI QUI LE ULTIME SUL CASO ELIGIA ARDITA

Amici nuovi, lavoro e l’inizio di una vita che probabilmente però non è bastata a lenire i malesseri del 22enne originario di Venezia che ha deciso di farla finita. Ma anche se la pista del suicidio rimane quella attualmente più percorribile, gli inquirenti stanno vagliando tutte le possibilità per non lasciare niente al caso. La morte naturale è una delle altre piste da vagliare anche se ci sono sempre le famose lettere che attualmente portano gli inquirenti in un’altra direzione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.