Naya Rivera sarebbe morta dopo aver salvato suo figlio: il racconto dello sceriffo


Non è ancora arrivata la conferma ufficiale in merito al ritrovamento del cadavere di Naya Rivera, manca solo questa. Ma è suo il cadavere ritrovato nel lago Piru. In questi casi però, vanno seguite le vie burocratiche, e si aspetta quindi la conferma da parte del medico legale. Ma nella notte si è tenuta la conferenza stampa durante la quale, lo sceriffo Bill Ayub che ha guidato le indagini per le ricerche dell’attrice di Glee, ha voluto spiegare che cosa sarebbe successo il giorno in cui Naya è morta. Lo sceriffo chiarisce subito che si è potuto escludere la pista del suicidio: nulla lascia pensare a un gesto estremo da parte dell’attrice. Purtroppo Naya è stata vittima di un tragico incidente, dovuto forse alla sua inesperienza con la barca.

RITROVATO IL CADAVERE DI NAYA RIVERA: PARLA LO SCERIFFO

Ayub ha raccontato che il cadavere di Naya Rivera è stato ritrovato nella parte nord-orientale del lago, vicino alla superficie dell’acqua. Il suo corpo verrà portato nell’ufficio del medico legale della contea di Ventura per un’autopsia e un’identificazione positiva.
Lo sceriffo spiega che per le indagini che gli investigatori hanno usato le chiamate FaceTime che Naya aveva con i familiari per aiutare a focalizzare la loro ricerca, oltre a parlare con altre persone che hanno noleggiato barche il giorno in cui è scomparsa e l’hanno vista sull’acqua.

Ayub per la prima volta parla anche di quello che il bambino di Naya ha raccontato dopo esser stato ritrovato in barca e messo in salvo. Secondo quanto ha raccontato il bambino, i due sono andati a nuotare e lei è stata in grado di riportarlo sulla barca … ma quando si è voltato è scomparsa sotto la superficie. Naya potrebbe aver usato tutte le sue forze per mettere in salvo il suo bambino e poi allo stremo, potrebbe esser stata trascinata via dalla corrente.

Secondo la ricostruzione fatta, la corrente è stata molto forte il giorno in cui Naya è scomparsa e Ayub afferma che potrebbe aver contribuito al suo annegamento. Lo sceriffo ha inoltre spiegato che la sua barca non era ancorata quando Maya e suo figlio si erano messi a nuotare nelle acque del lago. La famiglia di Naya è stata portata da lei in una barca dopo che il suo corpo è stato ritrovato per una prima identificazione.

Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close