Covid Regno Unito: previsti 100mila contagi al giorno a Londra ma stop alle restrizioni

Covid a Londra: previsti 100mila contagi al giorno ma stop alle restrizioni

Se l’Italia continua a combattere giorno dopo giorno la sua personale battaglia contro il Covid non sono da meno gli altri paesi che, nelle ultime settimane, stanno purtroppo registrando nuovi casi di contagi dovuti soprattutto alla variante delta, individuata nelle ultime settimane anche in Italia e temuta da chi pensa possa essere causa di una terza ondata, dopo l’estate.

Stando alle affermazioni del Ministro della Salute britannico, Sajid Javid, la sola città di Londra starebbe mettendo in conto di registrare ogni giorno fino a 100mila nuovi contagi. Un numero decisamente alto che però non sembra impaurire il Governo inglese il quale ha ribadito la caduta di ogni restrizione a partire dal prossimo 19 luglio quando comincerà la cosiddetta fase di convivenza con il virus.

Covid a Londra: la variante delta non preoccupa

Insomma la variante delta non sembra tenere in apprensione gli inglesi che continuano dritti per la strada annunciata qualche giorno fa ovvero quella che porterà a un ritorno alla normalità anche per quanto riguarda le regole da osservare. Per il Governo a contare davvero sono i numeri dei ricoverati e dei decessi, non quelli riguardanti i nuovi contagi. Quelli non sarebbero indice di un nuovo ritorno del virus.

E’ altresì vero che nella giornata di ieri sono morte in Gran Bretagna solo 9 persone mentre il 64% degli inglesi ha completato la vaccinazione. Il Ministro della Salute britannico ha ribadito l’importanza di trattare tutte le persone che hanno ricevuto la doppia dose di vaccino in modo diverso rispetto a quelle che invece, per un motivo o per l’altro, non sono ancora state vaccinate e quindi non risultano immuni al Covid.

Covid in Inghilterra, il premier Johnson: stop alle restrizioni

Nonostante le previsioni poco felici circa i prossimi nuovi contagi, il premier Boris Johnson ribadisce che l’Inghilterra e quindi il Regno Unito tutto, proseguirà sulla strada annunciata: via le mascherine e stop al distanziamento sociale. Ecco le parole del premier britannico: “La pandemia non è finita e non finirà per il 19 luglio. Ma se non togliamo le restrizioni adesso quando abbiamo fatto così tanto con la vaccinazione per spezzare il legame, quando mai potremo farlo? Bisogna purtroppo riconciliarsi con l’idea di altri morti di Covid“.

Una decisione coraggiosa, per alcuni, una scelta scellerata per altri. Secondo il premier inglese i prossimi mesi saranno di convivenza con il virus, nella speranza che prima o poi sparisca, come la storia delle pandemie ha insegnato nel corso dei secoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.