Bioshopper compostabili si possono portare da casa, le parole del Consiglio di Stato

bioshopper compostabili portati da casa

I Bioshepper compostabili possiamo portarli da casa al supermercato. È proprio il Consiglio di Stato a dare questa idea a tutti i consumatori. Scendendo nel dettaglio, si tratta della risposta che l’organo amministrativo ha dato di fronte al parere chiesto dal Ministero della Salute. Non bisogna, dunque, per forza acquistare i sacchetti biodegradabili insieme alla merce. Dal dicastero ora si attende un regolamento nei prossimi giorni, proprio su quanto dichiarato dal Consiglio di Stato. Si riapre, infatti, un caso nato nel gennaio scorso quando si annunciava che il prezzo dei sacchetti deve essere separato rispetto a quello della merce.

I BIOSHOPPER COMPOSTABILI SI POSSONO PORTARE DA CASA ULTIME NOTIZIE: AD ANNUNCIARLO È IL CONSIGLIO DI STATO

Il Consiglio di Stato annuncia che i bioshopper compostabili o sacchetti biodegradabili possono essere portati da casa. Dunque, i consumatori non dovranno più acquistare obbligatoriamente i bioshopper insieme alla merce. L’organo amministrativo ha scelto di rispondere così alla domanda posta dal Ministero della Salute. Questo consiglio ha riaperto un caso, che era nato lo scorso gennaio, quando è entrato in vigore il Decreto Mezzogiorno. Quest’ultimo ha introdotto l’obbligo di utilizzo delle buste biodegradabili e compostabili anche per l’acquisto di merci come la frutta e verdura. Parliamo di sacchetti che non possono essere distribuiti gratuitamente. Il prezzo, infatti, deve essere separato dal costo della merce. Il Consiglio di Stato non vuole, però, vietare ai consumatori l’acquisto delle bioshopper in un altro negozio. Lo scopo della legge è, infatti, quello di incentivare l’utilizzo di materiali alternativi alla plastica. Dunque, non importa dove avviene l’acquisto dei sacchetti, basta averli. Pertanto, vanno bene anche quelli portati da casa. Ma ecco che sorge spontanea la domanda: chi controlla se i sacchetti portati dal cliente sono ecologici? In questo caso, il Consiglio di Stato dichiara che “può vietare l’utilizzo di contenitori autonomamente reperiti dal consumatore solo se non conformi alla normativa di volta in volta applicabile per ciascuna tipologia di merce, o comunque in concreto non idonei a venire in contatto con gli alimenti”. Questa affermazione è, però, difficile da mattere in pratica. Infatti, quando la fila alle casse aumenta diventa complicato effettuare controlli per ogni cliente. Nonostante ciò, l’idea di portare il sacchetto compostabile da casa va comunque bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.